Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Sebino e Franciacorta

L'INCHIESTA

Assalto al caveau, gli arrestati al Riesame: «Non siamo mafiosi»


Sebino e Franciacorta
27 mar 2022, 06:00
L'arrivo a Paderno Franciacorta del tir con le armi - © www.giornaledibrescia.it

L'arrivo a Paderno Franciacorta del tir con le armi - © www.giornaledibrescia.it

Due settimane dopo la maxi operazione interforze che ha sventato un assalto da 83 milioni di euro, almeno dieci dei 29 arrestati, sono pronti a presentarsi davanti al tribunale del Riesame. Appuntamento già domani. Per chiedere, la maggior parte, la cancellazione dell’aggravante mafiosa contestata dal pubblico ministero Paolo Savio, titolare dell’inchiesta, e confermata dal gip Matteo Grimaldi che ha tenuto in carcere il gruppo che aveva messo nel mirino la sede della Mondialpol a Calcinato.

Nei piani, il caveau doveva essere assaltato la sera dell’undici marzo scorso. Partendo dal capannone di Cazzago San Martino, ritenuto il covo della banda, e nel quale le forze speciali hanno fatto irruzione pochi minuti dopo che il gruppo - erano in 14 - aveva caricato le armi da guerra, portate a Brescia la mattina stessa da due componenti che ora, come gli altri, negano legami con clan mafiosi.

Articoli in Sebino e Franciacorta

Lista articoli