Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

L'OPERA

La Vittoria Alata di Brescia, una dea nata tre volte


Tempo Libero
13 nov 2020, 13:00
Vittoria Alata - La meraviglia vista da vicino

Nata tre volte. La prima in epoca romana, quando la Vittoria Alata venne realizzata e donata agli abitanti di Brixia; la seconda nel 1826, quando il grande bronzo venne dissepolto durante gli scavi archeologici condotti alle pendici del Cidneo; la terza ai giorni nostri, con il restauro effettuato sull'opera all'Opificio delle Pietre dure di Firenze, e la sua ricollocazione nella cella orientale del Capitolium.

I lavori sono in fase di ultimazione, ma le restrizioni imposte dal Covid-19 hanno fatto slittare a data da destinarsi l'inaugurazione prevista per il 20 novembre. In attesa della conferma dell'appuntamento, ripercorriamo la vicenda di uno dei più importanti bronzi di epoca romana conservati in Italia.

Articoli in Tempo Libero

Lista articoli