Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

L'ANNIVERSARIO

Il 21 luglio 1826 riemergeva dal Capitolium la Vittoria Alata


Brescia e Hinterland
21 lug 2019, 09:34
Tutti in posa orgogliosi davanti alla Vittoria Alata ritrovata - © www.giornaledibrescia.it

Tutti in posa orgogliosi davanti alla Vittoria Alata ritrovata - © www.giornaledibrescia.it

Quando il sole stava ormai tramontando, verso le sette di sera, le pale e i picconi degli operai al lavoro negli scavi archeologici del Capitolium si scontrarono con qualcosa di metallico, tra i bronzi uno attirò l’attenzione, era una figura femminile. Fin da subito ci si rese conto della straordinarietà del ritrovamento: durante la notte vennero messe due guardie a vigilare la zona per evitare che finisse preda dei tombaroli. Non si voleva perdere tempo, alle 5 di mattina del giorno seguente gli operai tornarono in campo: la grande statua venne estratta. Il 21 luglio 1826 iniziava la nuova vita di colei che era destinata a diventare il simbolo di Brescia: la Vittoria Alata

L’antico bronzo, realizzato attorno al 250 prima di Cristo, festeggia l’anniversario lontano da casa. Dall’11 luglio dello scorso anno la Vittoria Alata è stata affidata alle sapienti cure dell’Opificio delle pietre dure di Firenze; l’affascinante statua è sotto i ferri nell’ambito di un progetto conservativo complessivo:si sta realizzando anche un nuovo supporto interno a sostegno di ali e braccia in sostituzione di quello ottocentesco.

La prossima primavera tornerà a Brescia, ma non sarà più posizionata nel museo di Santa Giulia;sarà invece posizionata nella cella orientale del tempio romano, il Capitolium, in un nuovo allestimento museale curato dall’architetto spagnolo Juan Navarro Baldeweg.

Tutti i dettagli sull'edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, domenica 21 luglio 2019, scaricabile anche in formato digitale.  

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli