Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Chef per una notte

LA SERATA

Chef per una notte: una stagione da scrivere con voi


Cucina
Chef per una notte
19 nov 2020, 09:58
Le lezioni tornano con un nuovo formato. Foto © www.giornaledibrescia.it

Le lezioni tornano con un nuovo formato. Foto © www.giornaledibrescia.it

«Un format diverso, ma non per questo meno efficace». Parola del nostro direttore Nunzia Vallini che, giovedì scorso in onda su Teletutto, ha presentato insieme a Clara Camplani la nuova edizione di Chef per una notte. «Ci siamo interrogati a lungo sull’opportunità di riproporre la nostra gara - ha chiarito il direttore del Giornale di Brescia -, e poi abbiamo capito che non solo vale la pena, ma è anche doveroso farlo, per essere vicini al mondo della ristorazione, messo così a dura prova da questo secondo lockdown». «In questo momento difficile - ha commentato infatti lo chef Beppe Maffioli del ristorante Carlo Magno, coordinatore della giuria di esperti della nostra sfida ai fornelli fin dal suo esordio -, questa iniziativa è un modo per restare uniti e affrontare la situazione con energia positiva». 

 I piatti non saranno più divisi in categorie ma ispirati a un tema, le lezioni in Cast Alimenti si potranno seguire esclusivamente in diretta streaming sul sito www.giornaledibrescia.it, e tutti i giovedì sulle pagine del giornale saranno pubblicate alcune ricette selezionate dalla nostra giuria. Sono queste le principali novità dell’ottava edizione di Chef per una notte. «Chef diventa così il simbolo di una multimedialità che Editoriale Bresciana ha abbracciato da qualche anno - ha sottolineato Clara Camplani -. Non mancherà l’interattività e la possibilità di interfacciarsi con i nostri chef». «Sarà un’edizione in divenire - ha aggiunto il direttore Vallini -, ma siamo convinti di poterla fare bene anche con le restrizioni del momento. Speriamo comunque di poter concludere la nostra iniziativa con un grande evento in presenza». Niente più piatti divisi per portata, si diceva, ma un tema diverso ogni due mesi a cui gli aspiranti chef potranno ispirarsi per le loro ricette. Si parte con «il piatto delle feste», dal 12 novembre al 10 gennaio, ma ci sarà anche la categoria «Eco Chef - il piatto del riciclo», in collaborazione con Centrale del Latte, che «da anni ha intrapreso il percorso della sostenibilità - come ha sottolineato il direttore generale Andrea Bartolozzi -, con l’utilizzo di energia rinnovabile e plastica riciclata e l’attenzione al benessere animale».

 Anche quest’anno una serata sarà dedicata alla mise en place, che tanto successo ha avuto nella passata edizione. Con ogni probabilità quella presentata da Diego Toscani, amministratore delegato di Promotica e presidente di Easy Life, sarà la tavola delle feste. Confermate anche le lezioni a cura di Coop Lombardia e Pastificio Avesani, mentre una novità sarà la serata dedicata agli abbinamenti tra cibo e vino, a cura del «personal drinker» Andrea Minoni, responsabile marketing di Stocchetti Beverage.

Articoli in Chef per una notte

Lista articoli