Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

IL PROCESSO

Incidente nautico: i due tedeschi saranno sentiti in aula

Redazione Web

Garda
16 dic 2021, 10:34
I due turisti tedeschi a bordo del motoscafo Riva Aquarama © www.giornaledibrescia.it

I due turisti tedeschi a bordo del motoscafo Riva Aquarama © www.giornaledibrescia.it

La difesa dei due turisti tedeschi che a giugno scorso hanno provocato sulle acque del Lago di Garda l’incidente nautico nel quale sono morti Greta Nedrotti, 25 anni e Umberto Garzarella, 37 anni, ha annunciato in aula che Patrick Kassen e Christian Teismann si sottoporranno nel corso del dibattimento all’esame dell’imputato. I due tedeschi sono imputati per omicidio colposo, naufragio e omissione di soccorso. In aula - dove sono stati vietati foto e video - oggi è presente, come nel corso della prima udienza, solo Kassen.

Nel frattempo il tribunale di Brescia - dopo che, a fronte della donazione da parte dell'assicurazione dei tedeschi di un radar per la sicurezza, il Comune di Salò ha ritirato la sua costituzione di parte civile - ha accolto quella della Comunità del Garda, ente presieduto dal ministro Mariastella Gelmini. «La comunità del Garda ha subito un danno diretto dal fatto così come dedotto in giudizio, quale gravissima lesione all’ordinato e sicuro sviluppo della navigazione sul Garda, che la costituenda parte civile ha assunto quale proprio compito istituzionale prioritario, prima ancora che statuario, e che conseguentemente è qualificabile quale proprio interesse giuridicamente tutelato, concretamente esercitato con modalità ed intensità tali da rendere davvero indiscutibile la sussistenza» si legge nell’atto di costituzione. Per l’avvocato di parte civile: «La vicenda per la risonanza internazionale del fatto e naturalmente, per gravità delle conseguenze, assunto una dimensione di gran lunga superiore ad un comune incidente di navigazione».

Cosa è successo nella prima udienza

Le amiche di Greta Nedrotti portano in tribunale 25 rose bianche - Foto Gabriele Strada/Neg © www.giornaledibrescia.it

La prima udienza del processo ai due tedeschi, che non hanno scelto riti alternativi, è durata poco più di un'ora e il processo è stato aggiornato a oggi, 16 dicembre. Nel frattempo, dopo aver risarcito la famiglia di Umberto Garzarella con circa un milione e trecentomila euro, l'assicurazione della barca dei due stranieri ha firmato un risarcimento anche per i parenti di Greta, per un importo attorno ai due milioni e mezzo di euro.

Entrambe le famiglie parteciperanno alle udienze come parti offese, ma non come parti civili. I Garzarella non si erano costituiti, mentre i Nedrotti hanno ritirato lo scorso 10 novembre la costituzione. «Nessun risarcimento ci ridarà nostra figlia. Siamo gente semplice, lavoriamo e a Greta non mancava nulla. Avremmo voluto che oggi Greta fosse con noi, altro che avere quei soldi in tasca», commentano i genitori della 25enne che in aula, insieme a decine di amici dei due giovani morti l'estate scorsa, si sono presentati come un mazzo di 25 rose bianche.

Articoli in Garda

Lista articoli