Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

L'ANALISI

Frane e alluvioni, oltre 53mila bresciani vivono in aree a «rischio elevato»


Brescia e Hinterland
28 nov 2022, 06:00
La grande frana di Sonico del 2012 - © www.giornaledibrescia.it

La grande frana di Sonico del 2012 - © www.giornaledibrescia.it

La grande frana di Sonico del 2012, l’alluvione di Niardo della scorsa estate. Ma anche Sant’Eufemia sott’acqua dopo un violento acquazzone nel 2010. Il territorio bresciano si rivela sempre più fragile. Colpa di diversi fattori: la conformazione del territorio, il consumo di suolo sfrenato degli ultimi decenni, la scarsa manutenzione di torrenti e fronti franosi, asfalto e cemento che hanno «impermeabilizzato» il suolo, gli eventi atmosferici sempre più estremi, quelle bombe d’acqua figlie del cambiamento climatico.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli