Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Valtrompia e Lumezzane

IL PUNTO

Scomparsa di Manuela, le indagini si concentrano sul telefono


Valtrompia e Lumezzane
6 ago 2018, 12:54
"QUEI MESSAGGI NON SONO DI MANUELA"

Il telefono dovrà parlare. È questa la convinzione degli inquirenti al lavoro per capire dove sia finita Manuela Bailo, la 35enne  di Nave scomparsa da più di una settimana a bordo della sua auto che non si trova.

Il sostituto procuratore Francesco Carlo Milanesi ha disposto l’acquisizione dei tabulati telefonici anche per identificare a quali celle si sia agganciato il cellulare della giovane che manca da casa da sabato scorso. La fuga volontaria è un’ipotesi praticamente scartata, non ci sono elementi che facciano pensare che Manuela si sia allontanata senza dire nulla.

Negli ultimi 13 mesi non ha effettuato operazioni bancarie sospette e l’ultimo prelievo di denaro, 250 euro, lo ha effettuato il 22 luglio. «Non faceva nulla da sola» ripetono parenti ed amici. Non andava in vacanza da sola e persino i due tatuaggi che ha li ha fatto in compagnia di un’amica e della sorella. Nessuno crede poi che gli sms inviati da sabato sera a lunedì, quando poi il telefono smette di suonare, siano stati scritti da lei.

«Non è il suo stile» ripete l’ex fidanzato è ancora convivente Matteo Sandri, che lunedì alle 21.50 ha ricevuto l’ultimo sms. «Vado dalla Franci, l’unica che mi capisce». Ma dall’amica citata non è mai arrivata.

La scomparsa resta un mistero. Si allarga l’ombra di un epilogo drammatico.

 

Articoli in Valtrompia e Lumezzane

Lista articoli