Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Valtrompia e Lumezzane

LA DECISIONE

Omicidio Bozzoli: al via il processo, ma senza telecamere


Valtrompia e Lumezzane
14 gen 2021, 10:36

Le telecamere, autorizzate per la prima udienza, non potranno seguire in aula il processo a carico di Giacomo Bozzoli, accusato dell’omicidio dello zio Mario, imprenditore scomparso dalla sua fonderia a Marcheno l’8 ottobre 2015. Lo ha deciso la Corte d’Assise di Brescia dov’è questa mattina è iniziato il processo che durerà un anno intero.

«Dopo cinque anni di indagine è positivo che ci sia la stampa. Non è opportuno che vengano riprese le udienze perché le riprese possono turbare la serenità di chi dovrà parlare» ha spiegato la difesa. 

In aula è presente l’imputato Giacomo Bozzoli, ma anche la moglie e i figli di Mario Bozzoli, che si sono costituiti parte civile. Tra i banchi anche il fratello e la sorella dell’imprenditore scomparso che sono parti lese, ma non si sono costituiti parte civile. La sorella di Mario Bozzoli è seduta vicino alla vedova e ai figli dell’imprenditore, mentre il fratello della vittima e padre dell’imputato è seduto alle spalle del figlio Giacomo. 

La Procura di Brescia ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta a carico di Jessica Gambarini, l’ex fidanzata di Giacomo Bozzoli, ritenuta una dei testimoni chiave del processo, e che il giorno dopo la scomparsa di Mario Bozzoli aveva raccontato ai carabinieri che il nipote Giacomo le aveva più volte detto che avrebbe voluto uccidere lo zio e che in un’occasione le avrebbe svelato anche un presunto piano d’omicidio. La donna, già sentita in fase di indagine in incidente probatorio, è stata denunciata per diffamazione dallo stesso Giacomo Bozzoli. La Procura di Brescia ha chiesto l’archiviazione e la difesa Bozzoli ha già annunciato opposizione all’archiviazione.

Articoli in Valtrompia e Lumezzane

Lista articoli