Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Chef per una notte

CHEF PER UNA NOTTE

Ostriche e gin: Chef accompagna la rivincita del pollo d'autore


Cucina
Chef per una notte
14 nov 2019, 09:24
Beppe Maffioli ha preparato il risotto mantecato con oro di Navelli e ostriche di pollo

Beppe Maffioli ha preparato il risotto mantecato con oro di Navelli e ostriche di pollo

Gualtiero Marchesi adorava cucinarle. E il caso ha voluto che martedì sera nell’aula magna di Cast Alimenti ci fosse la figlia degli allevatori di Rovato che per anni - con pazienza e meticolosità - gliele hanno procurate. Sono le huîtres de poulet (come sanno dire bene le cose i francesi...): una parte prelibata e tenera del pollo che si trova tra le ossa del bacino, nella parte finale della sovracoscia. Rognose da estrarre ma deliziose, le ostriche di pollo sono state tra gli ingredienti messi nel piatto da Avicola Monteverde per la prima Lezione di Chef per una notte.

 

 

Davanti a una platea da tutto esaurito e al pubblico in diretta Facebook sulla pagina del GdB (18mila persone raggiunte), impegnati ai fornelli c’erano gli chef Piercarlo Zanotti e Beppe Maffioli, che hanno spiegato passo passo le loro ricette (vedi qui a fianco) e regalato aneddoti e curiosità. Materia prima. Il pollo, questo bistrattato. «Ammetto che quando mi è stata proposta questa carne bianca come focus della serata non ero entusiasta - ha detto con franchezza chef Zanotti, consulente per diversi ristoranti italiani e all’estero -. Poi ho fatto un tuffo nell’infanzia e ho pensato che d’altronde, è o non è il piatto della festa? Ricordo ancora il sapore del pollo al forno domenicale di mia nonna».

Effetto nostalgico a parte, a difendere a spada tratta il prodotto anche Laura Facchetti, titolare dell’allevamento Monteverde, che ha ricordato le proprietà nutrizionali di una carne di alta qualità, macellata con rigore, alla fine di un ciclo produttivo rispettoso dell’animale e del suo (e nostro) benessere. Centrale anche la bassa densità dell’allevamento franciacortino (più spazio per razzolare), addirittura inferiore ai limiti di legge. Non solo azzardi. Anche quest’anno, gli abbinamenti sono curati da Stocchetti e shakerati dalle spiegazioni brillanti di Andrea Minoni. Nella prima serata, il pubblico ha degustato gin Mil tonic, birra Flea Federico II extra Ipa, vino Eretico Citari e un twist sul cocktail Boulevardier.

Alla serata è stato dedicato anche uno speciale di Teletutto. 

Il pollo in cattedra a Chef per una notte

Articoli in Chef per una notte

Lista articoli