Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

IN AULA

Ragazzo armato dallo zio, lo sparo poteva uccidere


Bassa
5 lug 2022, 12:49
Il luogo dove è avvenuto l’agguato a Montichiari - Foto © www.giornaledibrescia.it

Il luogo dove è avvenuto l’agguato a Montichiari - Foto © www.giornaledibrescia.it

«Dal mio punto di vista è stato un miracolo che non siano stati lesi organi vitali». Lo ha detto il professor Andrea Verzeletti illustrando la sua perizia medico legale nell'ambito del processo a carico di Antonio Di Sanzo, ritenuto il mandante del colpo di pistola esploso contro Manuel Poffa da suo nipote di 13 anni la sera del 2 aprile 2021 a Montichiari.

Il medico ha spiegato che «si è trattato di una azione idonea a cagionare il decesso. Il proiettile ha completamente attraversato il torace dove si trovano organi vitali e solo per pochi millimetri non ha leso il cuore o i grossi vasi. Una differenza di pochi millimetri avrebbe potuto provocare la morte».

Articoli in Bassa

Lista articoli