Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

NUOVO ALLARME

Febbre del Nilo, un caso a Chiari. Al via la disinfestazione


Bassa
12 set 2018, 13:06
WEST NILE DISINFESTAZIONE A CHIARI

Il Comune di Chiari ha avviato una campagna di disinfestazione straordinaria sul territorio dopo che nell’ospedale della cittadina è stato segnalato un caso di febbre del Nilo

«Allo stato attuale, la situazione è circoscritta e adeguatamente controllata e monitorata in coordinamento con l’Ente sanitario», scrive il sindaco Massimo Vizzardi in una nota.

In agosto, si era verificato un caso di febbre del Nilo a Gambara. A essere colpito un anziano del paese. Anche in quel caso era scattata la disinfestazione d’emergenza.

«Per ridurre il rischio di trasmissione del West Nile virus - scrive ancora il Comune di Chiari - la misura preventiva più efficace è quella di ridurre rapidamente la popolazione delle zanzare e di evitare la puntura adottando misure di prevenzione individuali».

L’invito è dunque a fermare la proliferazione degli insetti, ad esempio evitando di tenere acqua stagnante nelle abitazioni (nei sottovasi, ad esempio) e a proteggersi dalle punture.

«È fondamentale l’impegno e la collaborazione di tutti i cittadini».

Complessivamente, l'Europa ha visto nei mesi scorsi un'impennata di casi di infezione da febbre del Nilo, arrivati a quota 975. In testa c'è l'Italia, con 327 casi.

 

 

Articoli in Bassa

Lista articoli