Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

CASTREZZATO

Denunciò lo stupro, ma è una messinscena: «Il dna è del vicino»


Bassa
25 nov 2016, 19:32
CASTELCOVATI: NESSUNA VIOLENZA, "FU UNA MESSINSCENA"

Il 32enne rumeno che ha passato 45 giorni di carcere con l'accusa di violenza sessuale su una 87enne, è vittima di una messinscena. Organizzata per incastrarlo. 

Il dna nello sperma trovato sul letto dell'anziana, nella sua casa di Castelcovati, è di un vicino di casa della donna. 

Si tratta di un 69enne che ha consumato un rapporto sessuale con la donna. Con lei è poi andato quattro giorni dopo dai carabinieri denunciando uno stupro mai avvenuto e incolpando il 32enne del piano di sopra, Saint Petrisor, in realtà assolutamente innocente.

Ora l'anziana e il vicino di casa finiranno nei guai. 

«Li denunciamo per calunnia e simulazione di reato», commenta l'avvocato Cristian Mongodi, legale del rumeno tornato in libertà. E che ora meriterebbe le scuse di chi contro di lui invocava la castrazione chimica. 

Articoli in Bassa

Lista articoli