Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Valtrompia e Lumezzane

L’anniversario

Un anno dal delitto di Manuela, la sorella: «Ci manca tanto»


Valtrompia e Lumezzane
28 lug 2019, 09:16
«Io e mamma abbiamo il suo tatuaggio». Il cuoricino sulle dita - © www.giornaledibrescia.it

«Io e mamma abbiamo il suo tatuaggio». Il cuoricino sulle dita - © www.giornaledibrescia.it

La rabbia, il dolore, la disperazione. «Gli ho gridato in faccia tutto quello che avevo dentro». Lo scorso dieci giugno in un'aula di tribunale al termine dell’udienza preliminare, Arianna non è riuscita a non scagliarsi a parole contro l'uomo che le ha ammazzato la sorella. «L'ho fissato dal primo all'ultimo minuto. Volevo che ci vedesse e quando alla fine si è girato e mi ha guardata è esplosa la mia rabbia». Un anno fa Manuela Bailo, 35enne di Nave, è già stata uccisa e nascosta dal collega della Uil e amante Fabrizio Pasini quando Arianna e mamma Patrizia lanciano i primi appelli attraverso giornali e tv. Il delitto avviene la notte tra il 28 il 29 luglio nella casa della madre dell’assassino ad Ospitaletto.

Tutti i dettagli sull'edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, domenica 28 luglio, scaricabile anche in formato digitale

Articoli in Valtrompia e Lumezzane

Lista articoli