Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

VILLANUOVA SUL CLISI

Rapimento Giacomini, sopralluogo nella casa del sequestro


Valsabbia
22 gen 2019, 19:30

La necessità è capire. Comprendere gli spostamenti di Abdeleheouad Haida e tracciare le geografia delle ore convulse del sequestro di Mirko Giacomini, dettate da una pistola spianata. 

Il sostituto procuratore Roberta Panico è così salita questa mattina a Villanuova sul Clisi con i tecnici della sezione investigativa scientifica per tracciare sulla scorta di rilievi e reperti le ore passate dal sequestratore e dal rapito in quel sottotetto sconosciuto a tutti. 

Per accedervi gli uomini hanno ripercorso l'itinerario di Haida: sono passati dal cancello sul retro, hanno salito le scale, quindi sono saltati sul tetto delle scale guadagnando la copertura di tegole piatte. Quindi, guidati da Mirko Giacomini sono entrati negli spazi angusti della costruzione. Un portello di 60 centimetri per lato ha spalancato gli spazi dove si sono consumate le ore di latitanza del ricercato. 

 

 

Articoli in Valsabbia

Lista articoli