Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA TESTIMONIANZA

Iuschra, i serlesi lasciano «porte aperte e luci accese»


Valsabbia
24 lug 2018, 07:10
descrizione immagine

«Che angoscia, mi sembra impossibile che non l’abbiano ancora trovata: certo che se è andata verso "Ma de là" dove ci sono le rocce a strapiombo sopra Caino, oppure verso la "Madonna de Caì", dove c’è il passaggio pericolosissimo del "Canal del Luf", non la trovano più».

Martina ha 75 anni, è rimasta vedova del suo Angelo «Russo» Sorsoli da un mese e i boschi di Cariadeghe li conosce come le sue tasche, e forse anche meglio: non passa giorno, quasi, senza che vi si inoltri, soprattutto quando è tempo di funghi. Ha reagito così alla scomparsa della piccola Iuschra, che è scappata nei boschi di Serle lo scorso giovedì e per la quale si sono mobilitati quasi 300 uomini, impegnati nelle operazioni di ricerca.

Per questo l’abbiamo cercata, perché è fra coloro che conoscono meglio l’ambiente dove Iuschra è scomparsa. E anche per capire cosa ne pensano i serlesi di tutta questa vicenda. La incontriamo coi figli Alfio e Giusy e col nipote Giovanni. Casa sua è proprio sotto San Bartolomeo, lungo una delle vie d’accesso all’Altopiano.

«Ieri è passato di qui uno con la divisa e glie l’ho detto: accendete una luce su al monastero di notte, che se quella ragazzina la vede magari si avvicina». «Mi hanno ascoltato - aggiunge sorridendo, ma solo per un po’ -. Sa che non riusciamo a dormire qui in paese, a sapere che quella bambina potrebbe essere qua attorno, rannicchiata da qualche parte. Così lasciamo la porta di casa aperta, anche quella della casina nel bosco, con una luce accesa che magari ci viene a dormire».

La speranza è l’ultima a morire: anche se sono ormai trascorsi tre giorni, l’idea è che possa essere ancora viva. «Forse non dovrei dirlo, ma non ci fa così impressione sapere di bambini lontani che muoiono, come averne uno qui vicino in grande difficoltà» ci dice Alfio. «È stato un grande errore - aggiunge - tenere lontani i serlesi dopo i primi due giorni di ricerche. E parlo dei cercatori di funghi o dei cacciatori che sono i veri conoscitori di queste montagne, soprattutto sanno tutti i pericoli».

I buchi appunto, le grotte. «Ma no! Quelle non sono un problema, non lo sono mai state nemmeno per i nostri figli: ce n’è qualcuna pericolosa, ma da tutt’altra parte, dove è stata vista la ragazzina ce ne sono poche e sono tutte chiuse o ben segnalate, impossibile finirci dentro». Diciamo ad Alfio che chi coordina le ricerche si è ritrovato ad avere a che fare con troppi volontari da gestire e che per questo motivo hanno deciso di proseguire solo con personale che già appartiene a gruppi organizzati e di rimandare indietro i «civili».

«Brava gente, quelli della Protezione civile di Serle - insiste -, però fra loro quelli che conoscono davvero Cariadeghe si contano sulle dita di una mano, non dovevano tenerci fuori». Poi l’idea, balzana quanto si vuole, certo dettata dalla consuetudine ad essere pratici e condivisa da tutti: «Senza la minima intenzione di fare un paragone con gli animali, per carità, ma non è possibile dotare questi ragazzini, difficili da gestire, di un braccialetto con microchip?».

 

Articoli in Valsabbia

Lista articoli