Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Gusto e dintorni

IL TALENT DI TELETUTTO

La Strafantasy premia il più giovane in gara: Emanuele è il terzo semifinalista di Strabar

Francesca Roman

Cucina
Gusto e dintorni
23 nov 2022, 09:43

Due pareggi nello Strapressure e nella Stramisteriosa. A sancire la vittoria di Emanuele Magro nella terza sfida di StraBar è stata la Strafantasy. Con un en plein di 20 punti il 18enne bresciano ha avuto la meglio su Michael Parmiggiani, aggiudicandosi la semifinale. È stata una puntata caratterizzata da tanta emozione quella andata in onda ieri sera su Teletutto, condotta come sempre dal comico bresciano Giorgio Zanetti. Emozione che in più di un'occasione ha influito sulla performance dei due concorrenti.

I volti

Giovanissimo Emanuele, il più giovane di questa quarta edizione di StaBar, ospitata nella sede di Trismoka a Paratico. Proviene dalla scuola alberghiera, come pure Michael, 30 anni, da Borgo San Giacomo.

Come di consueto, la sfida ha inizio con lo Strapressure test. «Sotto pressione - annuncia Andrea Bartolozzi, direttore generale di Centrale del Latte di Brescia e membro della giuria -, in 3 minuti i concorrenti dovranno preparare il maggior numero di bicchieri di latte macchiato». Emanuele, molto emozionato, ne consegna quattro, contro le sei tazze di Michael, che è tuttavia consapevole di aver commesso un errore. «Ha usato un espresso per due tazze» rileva Luca Ramoni, presidente di giuria e direttore di Cefos. «Anche Emanuele poteva curare meglio le bevande - commenta Bartolozzi -, perché la temperatura è un pochino bassa». La giuria assegna quindi 12 punti a entrambi, e la prima prova si conclude con un pareggio.

Le proposte

Dalla velocità, la sfida si sposta sulla creatività con la Strafantasy. «In 4 minuti - chiarisce Maddalena Damini, direttore artistico di Teletutto e Radio Bresciasette - i concorrenti dovranno prepararci una bevanda alcolica calda con ingredienti a piacimento, ma sempre a base di caffè». Difficoltà della prova 8 su 10 per Ramoni, «perché il caffè è amaro, e quindi non è facile da bilanciare con altri ingredienti, mantenendone il gusto e il profumo».

Eppure Emanuele, con la sua creazione «Passione nera» ci riesce alla perfezione, aggiudicandosi il massimo punteggio. «Mi piace giocare sui contrasti - spiega il 18enne -: ho usato un liquore alla liquirizia che ha una base dolce, abbinata a un’aria di Campari, che è molto amaro». Micheal, invece, se la gioca in modo più semplice, per paura di essere tradito dall’emozione: prepara un «Caffè della casa» con crema al whisky e caramello, un goccino di rum e crema di latte con spolverata di cacao, ma non basta.

Sotto di 7 punti, tenta così il tutto e per tutto nella terza prova, la Stramisteriosa. «Una prova durissima questa settimana - annuncia Bartolozzi - in 3 minuti i ragazzi dovranno realizzare tre cappuccini di soia e due cioccolate calde». Emanuele si fa prendere dall’agitazione e consegna solo due dei tre cappuccini. Micheal invece addirittura tre cioccolate, anziché due, ma la schiuma è fatta male. «Non una gran prova da parte di nessuno dei due» commenta Damini. Entrambi guadagnano solo 11 punti: Michael non riesce a rimontare ed Emanuele passa alle fasi finali di StraBar, che tornerà su Teletutto martedì prossimo, alle 20.30 sul canale 16.

Articoli in Gusto e dintorni

Lista articoli