Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Chef per una notte

CHEF PER UNA NOTTE

La ricetta di Alessandro Botturi: tagliata formato campione


Cucina
Chef per una notte
24 gen 2019, 10:30
Alessandro Botturi -  Foto © www.giornaledibrescia.it

Alessandro Botturi - Foto © www.giornaledibrescia.it

«Sì, alla sera mi piace mettermi a cucinare, certo, non sono un grande cuoco, ma è un qualcosa a cui dedico, quando ce l’ho, un pochino di tempo». A raccontarci le proprie abitudini davanti ai fornelli è il motociclista lumezzanese Alessandro Botturi, fresco vincitore dell’Africa Eco Race che appoggia la nostra iniziativa dedicata alla cucina (iscriversi è semplice: ci sono ancora pochi giorni per farlo, approfitta dei vantaggi e scopri come fare su gusto.giornaledibrescia.it)

«Il mio piatto forte è la tagliata, ovviamente usando carne di manzo. Sono un amante della carne rossa e in aggiunta una buona forchetta, quindi questo piatto mi rappresenta molto».

Per la tagliata stile Botturi servono sette o otto etti di carne di manzo. «Mi servo poi di aromi per una concia, e così la lascio ad insaporirsi per tre o quattro ore». La cottura, ovviamente, è un passaggio decisivo e Botturi non può che ricordarne l’abc.

«La bistecchiera deve essere già molto calda. Una volta che si è verificato questo, mettiamo la carne in cottura 10 minuti per parte. Nel frattempo preparo un condimento con olio, aceto balsamico, sale, pepe e un rametto di rosmarino. Finita la cottura si taglia la carne, si mette nel piatto e con il rametto di rosmarino impregnato del condimento si accarezza la carne e poi si passa un po' di pepe nero per dagli il tocco finale». Quando mangiarla? Per il pilota non ci sono dubbi: «Finito un allenamento una tagliata di manzo ti dà le giuste proteine».

Articoli in Chef per una notte

Lista articoli