Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

LA CANONIZZAZIONE

Paolo VI Santo, «valicò nuovi confini, profeta per i poveri»


Italia ed Estero
14 ott 2018, 14:21
Paolo VI Santo, l'arrivo di Papa Francesco

Paolo VI è Santo. Lo ha proclamato tale Papa Francesco, che per la celebrazione davanti ad una piazza San Pietro gremita, ha scelto non a caso di indossare il pallio che fu del pontefice bresciano, di impugnare – come già in altre occasioni - il suo pastorale e di utilizzare il suo calice.

Con Paolo VI sono stati proclamati Santi altri sei Beati che come lui hanno incarnato l'apostolato per i poveri. Una santità che viene oggi restituita al mondo perché vi trovi applicazione nel quotidiano.

Circa 5.000 i bresciani presenti. E tra loro, a rappresentare la società civile tutta, il presidente della Provincia Pierluigi Mottinelli, il sindaco della città, Emilio Del Bono e quello di Concesio, paese natale del Santo, Stefano Retali.

Alla figura di Giovanni Battista Montini e al suo pontificato, Papa Francesco ha dedicato parole speciali:

«Santo Paolo VI scrisse: "È nel cuore delle loro angosce che i nostri contemporanei hanno bisogno di conoscere la gioia di sentire il suo canto". Gesù oggi ci invita a ritornare alle sorgenti della gioia che sono l'incontro con lui, la scelta coraggiosa del rischiare per seguirlo, il gusto del lasciare qualcosa per abbracciare la sua via. I santi hanno percorso questo cammino. Lo ha fatto Paolo VI sull' esempio dell’apostolo del quale assunse il nome. Come lui ha speso la vita per il Vangelo di Cristo, valicando nuovi confini e facendosi suo testimone nell’annuncio e nel dialogo, profeta di una Chiesa estroversa che guarda ai lontani e si prende cura dei poveri.

Paolo VI anche nella fatica e in mezzo alle incomprensioni ha testimoniato in modo appassionato la bellezza e la gioia di seguire Gesù totalmente. Oggi ci è sorta ancora insieme al Concilio di cui è stato il sapiente timoniere a vivere le nostre comune vocazione la vocazione universale alla santità».

Una giornata di festa per la brescianità, anche Brescia non poteva non dare il suo contributo anche alla colonna sonora della cerimonia. Lo hanno fatto in particolare, unendosi al coro della Cappella Sistina, le corali di Brescia e Pontevico dirette dal maestro Andreoli.

Per i pellegrini bresciani, quindi,  il lento deflusso da San Pietro, per le vie della capitale, in cui domattina nella Basilica di San Paolo fuori le mura li attende la messa di ringraziamento per il papa Santo.

Questa sera a partire dalle 20.30 su Teletutto sarà proposto anche un approfondimento con aggiornamenti e commenti da Roma, al termine di questa intensa giornata.

Servizi e approfondimenti saranno inoltre domani in edicola con l’edizione cartacea del Giornale di Brescia.

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli