Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

LA DECISIONE

Il corteo CasaPound il 28 maggio a Roma è stato annullato

Redazione Web

Italia ed Estero
23 mag 2022, 19:13
La sede di CasaPound a Roma - Foto Ansa © www.giornaledibrescia.it

La sede di CasaPound a Roma - Foto Ansa © www.giornaledibrescia.it

CasaPound non manifesterà a Roma sabato 28 maggio, giorno dell’anniversario della Strage di piazza della Loggia. Dalla Questura arriva lo stop ufficiale con un'ordinanza che punta innanzitutto a scongiurare «ripercussioni all'ordine pubblico». Tra i primi a segnalarne la pericolosità, sul fronte politico, erano stati gli esponenti del Pd, definendo «inammissibile» il corteo degli estremisti di destra. Ma gli autoproclamati «fascisti del terzo millennio» non arretrano e ritengono «gravissimo» il divieto. «Non possiamo certo fare passi indietro - annunciano su Twitter -. Spostiamo quindi l'appuntamento di sabato sotto la nostra sede di via Napoleone III».

Le motivazioni

Sono diverse le motivazioni che hanno portato a fermare l'iniziativa annunciata qualche giorno fa, quando uno dei leader, Luca Marsella, aveva chiesto di manifestare contro il governo Draghi in un sit-in all'Esquilino, in piazza Santa Maria Maggiore, nello stesso quartiere dove è già prevista (in piazza dell'Esquilino) una manifestazione dell'Anpi contro le vittime del terrorismo neofascista e per lo scioglimento delle organizzazioni stesse: «sabato prossimo, 28 maggio, cade infatti la ricorrenza della strage di matrice neofascista di Brescia.

In quest'ultima manifestazione potrebbero confluire numerose altre persone appartenenti a realtà della sinistra radicale, fra le quali centri sociali», spiega la Questura. Da qui le inevitabili considerazioni su «due manifestazioni così fortemente contrapposte»: secondo l'ordinanza, «gruppi di diverse fazioni» potrebbero decidere di «mettere in atto estemporanee contro-iniziative causando ripercussioni all'ordine pubblico» e quindi il rischio di «forti tensioni e scontri».

Non è l'unico elemento che ha portato alla decisione dello stop, verso il quale si era orientato fin dall'inizio il comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico di venerdì scorso. Gli indizi sul rischio di un innalzamento del livello di tensione arrivano anche dalle minacce fatte in passato sui social dai militanti a un giornalista di Repubblica e «l'incitamento a formare nell'occasione un corteo», diversamente dalle indicazioni fornite inizialmente alla Questura. Quest'ultima, nel documento, ha anche ricordato i «gravi incidenti» dello scorso gennaio durante lo sgombero del Circolo futurista - espressione territoriale di CasaPound - nel quartiere est di Casal Bertone, con un poliziotto rimasto ferito.

Ma per il movimento di estrema destra - che ha sottolineato «le pressioni politiche del Pd» sulla decisione del divieto - si sta creando «un pericoloso precedente, che calpesta ogni diritto e libertà di espressione. CasaPound non è un movimento fuori legge, esiste da 18 anni nella Capitale ed ha sedi e migliaia di iscritti in tutta Italia, si occupa di politica, cultura e solidarietà e lo fa da sempre alla luce del sole», spiega annunciando lo spostamento dell'iniziativa (quest'ultima al momento comunque non autorizzata) sotto la sede romana di via Napoleone III alle 15 sabato prossimo.

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli