Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

IL CASO

Donna morì per asportazione neo, Paolo Oneda condannato a 3 anni e 4 mesi

Redazione Web

Italia ed Estero
23 set 2022, 10:08
Il medico bresciano Paolo Oneda (nel riquadro) operò Roberta Repetto nel centro olistico ligure Anidra - © www.giornaledibrescia.it

Il medico bresciano Paolo Oneda (nel riquadro) operò Roberta Repetto nel centro olistico ligure Anidra - © www.giornaledibrescia.it

Per la morte di una donna dopo l'asportazione di un neo sono stati condannati a tre anni e quattro mesi ciascuno il «santone» del centro olistico Anidra di Borzonasca (Genova) Paolo Bendinelli, e il medico bresciano Paolo Oneda.

La psicologa Paola Dora, pure lei bresciana, è invece stata assolta: non è stata perciò accolta la richiesta di dieci anni di carcere avanzata dal pm.

I tre erano a processo per la morte di Roberta Repetto, una donna di 40 anni uccisa dalle metastasi di un tumore dopo l'asportazione di un neo eseguita sul tavolo della cucina del centro e curata per due anni con tisane zuccherate e meditazione.

Il dispositivo della sentenza
Il giudice per l'udienza preliminare Alberto Lippini li ha condannati, con rito abbreviato, per omicidio colposo mentre li ha assolti dall'accusa di violenza sessuale e circonvenzione di incapace.

Il pubblico ministero Gabriella Dotto aveva chiesta 16 anni per Bendinelli, 14 per Oneda e 10 Dora accusandoli di omicidio volontario. La donna era stata operata senza anestesia dal medico sul tavolo della cucina e per due anni era stata curata con tisane. Era poi morta a ottobre 2020 all'Ospedale San Martino di Genova dove era arrivata in condizioni disperate.

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli