Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

DOPO IL TAR

Caccia sospesa, Rolfi: «Lavoriamo per la ripresa a breve»


Italia ed Estero
22 set 2021, 08:47
Cacciatori durante una battuta in pianura - © www.giornaledibrescia.it

Cacciatori durante una battuta in pianura - © www.giornaledibrescia.it

«Stiamo lavorando a un provvedimento che vareremo in brevissimo tempo per consentire la ripresa dell'attività venatoria - sospesa dal Tar fino al 7 ottobre - e difenderemo in udienza le ragioni dei provvedimenti contestati». Lo dichiara in una nota l'assessore regionale lombardo all'Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi, il bresciano Fabio Rolfi.

Come ricorda lo stesso esponente del Carroccio, «con decisione monocratica della quarta sezione del Tar Lombardia, senza alcuna udienza e contraddittorio, è stata accolta la richiesta della Lac di sospensione dei calendari» fino all'udienza prevista il 7 ottobre.

Una decisione che se da un lato a fatto esultare quanti puntano alla abolizione dell'attività venatoria, come appunto l'associazione ricorrente, ha smorzato gli entusiasmi dei cacciatori di tutta Lombardia, tra i quali si contano circa 20mila bresciani, già tornati lo scorso weekend ad imbracciare le doppiette proprio sulla base del calendario stilato da Palazzo Lombardia e ora congelato dal Tar milanese in attesa della valutazione del merito.

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli