Garda

San Felice, incendio bis al noleggio: distrutti scooter e auto

Notte rovente per il rogo divampato a ridosso di un distributore di benzina. Episodio fotocopia lo scorso maggio. L'ombra del dolo
  • Lo scempio al noleggio dopo l'incendio - Foto tratta da Facebook
  • San Felice, incendio al noleggio di scooter: distrutti motorini e auto
  • San Felice, incendio al noleggio di scooter: distrutti motorini e auto
  • San Felice, incendio al noleggio di scooter: distrutti motorini e auto
  • San Felice, incendio al noleggio di scooter: distrutti motorini e auto
  • San Felice, incendio al noleggio di scooter: distrutti motorini e auto
AA

Il rumore di gomme che esplodono. Le fiamme che si levano alte, il fumo e poi l'accorrere dei mezzi di soccorso. Una nottata da incubo quella vissuta a San Felice del Benaco, dove un incendio ha letteralmente mandato in cenere parecchi scooter - non meno di una dozzina - di un noleggiatore che proprio lì a sede, oltre a un paio di autovetture e ad una casetta di legno di quelle in cui si ripongono attrezzi. Il tutto nel piazzale di un distributore di benzina, con i rischi che può comportare la presenza di carburanti.

Comprensibile lo spavento per i residenti della zona: almeno per un'anziana è stato necessario l'intervento dell'ambulanza, ma più per il forte spavento per che per altro.

Numerose le squadre dei Vigili del Fuoco, permanenti e volontari, giunti dai distaccamenti di Salò e Cunettone che dalle 4.30, ora alla quale sono divampate le fiamme, hanno proseguito il lavoro fino alle prime luci del giorno.

Sul posto anche i Carabinieri della Compagnia di Salò: si cerca di capire quale sia stata l'origine del rogo, ma la posizione dei mezzi coinvolti, distanti diversi metri gli uni dagli altri, rende difficile credere che si sia trattata di una causa meramente accidentale. Del resto, lo stesso esercizio era stato colpito da analogo incendio non più tardi dello scorso maggio, con un'altra dozzina di scooter in fiamme.

Un copione già visto, dunque. E neppure quello era il primo rogo che si verifica nella zona: a San Felice, dal 2019 si è registrata una decina di episodi, tanto che a lungo si è data la caccia ad un ipotetico piromane o agli autori di quella che è decisamente più di una ragazzata. Forse dalle telecamere di videosorveglianza dell'area di servizio attigua al noleggio potrebbero venire informazioni utili a comprendere la dinamica dell'incendio.

Le immagini del rogo hanno rapidamente fatto il giro dei social, destanto preoccupazione tra i residenti di San Felice, molti dei quali hanno scoperto solo al risveglio quanto accaduto.

Riproduzione riservata © Giornale di Brescia