Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA REAZIONE

Incidente nautico, il padre di Umberto: «Non mi cambia nulla sapere che Kassen è libero»


Garda
5 ago 2022, 12:48
Enzo Garzarella, papà di Umberto, all'ingresso del Tribunale di Brescia - Foto Gabriele Strada/Neg © www.giornaledibrescia.it

Enzo Garzarella, papà di Umberto, all'ingresso del Tribunale di Brescia - Foto Gabriele Strada/Neg © www.giornaledibrescia.it

«Non mi cambia nulla sapere se è ai domiciliari o libero. Davanti alla morte di un figlio non c’è condanna che tenga. Non riesco comunque a perdonare. Io sono morto dentro». 

È il commento di Enzo Garzarella, il padre di Umberto, il 37enne morto con Greta Nedrotti a giugno di un anno fa nell'incidente nautico di Portese, travolti mentre erano in barca dal motoscafo sul quale viaggiavano due turisti tedeschi: Patrick Kassen e Christian Teismann. 

I due sono stati condannati in primo grado per omicidio colposo a quattro anni e sei mesi il primo e a due anni e undici mesi il secondo. Sentenza che non è definitiva. Dopo 13 mesi agli arresti domiciliari a Modena, dallo scorso 18 luglio Kassen è tornato libero e il giudice ha sostituito la misura dei domiciliari con il divieto di dimora nelle province di Brescia, Verona e Trento.

Articoli in Garda

Lista articoli