Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

CHIESA

Benedetta sarà proclamata beata: Sirmione in festa


Garda
9 nov 2018, 08:38
La targa sulla casa di Benedetta Bianchi Porro a Sirmione © www.giornaledibrescia.it

La targa sulla casa di Benedetta Bianchi Porro a Sirmione © www.giornaledibrescia.it

Una ragazza colpita da una sofferenza tremenda alla quale ha però reagito diffondendo amore e speranza. Benedetta Bianchi Porro, bresciana di adozione, sarà presto proclamata beata.

Papa Francesco ha ricevuto in udienza il cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, e ha autorizzato la promulgazione del decreto riguardante «il miracolo, attribuito all’intercessione della Venerabile Serva di Dio Benedetta Bianchi Porro, laica, nata a Dovàdola (Forlì-Cesena) l’8 agosto 1936 e morta il 23 gennaio 1964», come si legge sul sito del Vaticano. Nel 1951 Benedetta si trasferisce a Sirmione dove il padre ingegnere è direttore delle Terme. Di salute fragile sin dalla nascita, a tre mesi ha la poliomielite, che la fa diventare zoppa: ha una gamba più corta. Vorrebbe diventare medico per curare i malati. A 13 anni comincia ad accusare un deterioramento generale delle sue condizioni a causa del morbo di Recklinghausen. Dà alcuni esami di medicina, ma gradualmente diventa cieca, sorda e paralitica. Nel buio del suo dolore viene illuminata dalla luce della fede.

Leggi di più sul Giornale di Brescia in edicola oggi, oppure clicca qui per l’edizione digitale

 

Articoli in Garda

Lista articoli