Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

IL CASO

Storia del cane Piccolino che salvò il riccio


Brescia e Hinterland
15 mag 2018, 19:17

Metti un riccio che precipita in una cavità profonda un metro e resta bloccato in fondo ad essa. Metti un cagnolino curioso e dall'olfatto che non sbaglia. Metti infine lo slancio di chi, amando gli animali, non esita - ancora una volta, è il caso di dirlo - a mettersi in gioco per soccorrerne uno.

É accaduto a Brescia, ai giardini di via delle Grazzine, dove domenica una signora ha portato come di consueto il suo cane, di nome Piccolino, a passeggio. E come già il giorno precedente il cane ha fiutato qualcosa che ha attirato la sua attenzione. Non senza insistenza, al punto da indurre la padrona ad approfondire la cosa.

Per questo ha allertato un amico - Danilo Giovanni Marini, già premiato nell'ambito del Premio internazionale fedeltà del cane di Camogli, riconoscimento ambito tra gli amanti degli animali - che è tornato nel parco in questione con l'abile Piccolino. Il quale è tornato a puntare animatamente il solito punto, attirando ancora una volta l'attenzione. Chinatosi, nonostante la pioggia battente, per vedere cosa vi fosse nel foro (per intenderci quello predisposto per un lampione poi mai installato). Ad una profondità di un metro, ecco, fradicio e bloccato, un riccio.

Marini non ha esitato: sdraiatosi e calato un braccio, non senza qualche cautela per gli aculei del riccio, è riuscito poco alla volta a estrarlo delicatamente e a riportarlo quindi sotto alcune piante lì vicino, dove lo ha restituito alla sua libertà. Una vicenda a lieto fine, grazie alla prontezza di Piccolino, tengono a sottolineare gli protagonisti della vicenda. Conferma del buon esito del soccorso viene dal successivo controllo: il riccio, infatti, è tornato a scorrazzare per il giardino, segno che era ancora in buona salute.

Non solo: onde evitare nuove brutte disavventure al riccio o ad altri animaletti, Danilo e l'amica hanno provveduto a coprire il foro nel terreno con un sottovaso. Meglio prevenire... che recuperare.

 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli