Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

IL CASO

«Padre e zio di Sana non possono lasciare il Pakistan»


Brescia e Hinterland
23 apr 2018, 15:45
Uno scatto di Sana Cheema tratto dal suo profilo Instagram - © www.giornaledibrescia.it

Uno scatto di Sana Cheema tratto dal suo profilo Instagram - © www.giornaledibrescia.it

«Il padre e lo zio di Sana non possono lasciare il territorio del Pakistan e la zona dove è stata sepolta la ragazza è sotto sequestro».

Lo ha spiegato Raza Asif, segretario nazionale della comunità pakistana in Italia intervenuto sul caso della 25enne, Sana Cheema, cresciuta a a Brescia, cittadina italiana, morta in Patria dopo aver rifiutato un matrimonio combinato. «Sarà eseguita l'autopsia» ha annunciato il segretario della comunità pakistana in Italia. 

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli