Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Brescia e Hinterland

INQUINAMENTO

Chiesanuova, la terra contaminata del parco Parenzo finisce sull’asfalto

Daniela Zorat

Brescia e Hinterland
3 ott 2022, 10:32
La terra contaminata del parco Parenzo trascinata in strada dai camion - Foto © www.giornaledibrescia.it

La terra contaminata del parco Parenzo trascinata in strada dai camion - Foto © www.giornaledibrescia.it

Ha suscitato subito l’allarme dei cittadini di Chiesanuova, rappresentati dal Consiglio di quartiere, la presenza - venerdì mattina - di terra sulla strada e sulle ruote dei camion in uscita dal parco Parenzo Nord, in cui proprio venerdì sono state avviate le operazioni di smaltimento del cumulo di terreno presente al suo interno.

La presidente del Cdq, Claudia Cauzzi, ha immediatamente contattato il Comune segnalando che quando piove si formano pozzanghere «sempre piene di terra contaminata» e che i camion l’avrebbero poi sparsa per le strade. La presidente ha fatto presente che attorno alle 7,45 per la via erano passati i ragazzi delle medie e di lì a poco sarebbero passati quelli delle elementari. Nell’ottica di quella tanto auspicata collaborazione tra Loggia e Consigli di quartiere e di quella costante informazione ai cittadini tanto richiesta in passato, il Comune ha risposto poco dopo alla presidente Cauzzi informandola che dopo la sua segnalazione l’ufficio preposto si era subito attivato e aveva disposto la sospensione dei lavori, chiedendo alla ditta incaricata della bonifica di rimuovere il materiale uscito dall’area di cantiere.

Sono state poi chiuse al passaggio le zone sporche di terra e solo dopo, attorno alle 11 del mattino, l’impresa ha ripreso i lavori, facendo uscire l’ultimo camion carico di materiale. Il Comune ha aggiunto che in queste fasi i suoi tecnici hanno tenuto costantemente sotto controllo la situazione e hanno accertato che le operazioni venissero eseguite seguendo i protocolli.

A causa della pioggia, invece, Aprica non ha potuto provvedere allo spazzamento straordinario della via per rimuovere tutti i residui di terra. Cosa che farà non appena il terreno sarà più asciutto. La presidente Cauzzi ha infine chiesto al Comune quando saranno rimosse le big bag contenenti il terreno contaminato dall’amianto e stoccate nel cantiere del parco Parenzo Nord, anche se - come dichiarato dai tecnici comunali -, non sussiste alcun rischio perché i sacchi sono stoccati correttamente. La data di rimozione era stata indicata nel 22 agosto.

Articoli in Brescia e Hinterland

Lista articoli