Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

IL CASO

«La festa è di tutti»: a Capriano il sindaco vieta «Bella Ciao»


Bassa
26 apr 2018, 10:37
Tricolori  © www.giornaledibrescia.it

Tricolori © www.giornaledibrescia.it

«Bella ciao», la canzone del partigiano, sta al 25 Aprile come «Tu scendi dalle stelle» al Natale. Ne è l’emblema, la colonna sonora.

Non a caso, ieri, Festa della Liberazione, in quasi tutte le piazze d’Italia è risuonata questa canzone. A Capriano del Colle no. «Ho due bambini che suonano nella banda - ci ha scritto Laura Lizzini -. Lunedì sono andati alle prove per preparare l’uscita del 25 Aprile. Sono tornati a casa dicendo che oggi (ieri, ndr) non avrebbero suonato "Bella Ciao", perché l’amministrazione comunale non vuole. Mi piacerebbe sapere perché…».

Abbiamo girato la domanda al sindaco Edoardo Spagnoli.

«L’anno scorso - ci ha spiegato -, su esplicita richiesta di un’associazione, proprio perché convinti che il 25 Aprile debba essere la festa di tutti e non di una sola parte politica, avevamo chiesto di evitare "Bella Ciao". I musicanti, però, l’avevano suonata lo stesso. Sempre gentilmente, quest’anno abbiamo fatto la stessa richiesta: ci hanno accontentati».

Capriano non è un caso isolato: il 25 Aprile, infatti, «Bella Ciao» non viene eseguita nemmeno il altri Comuni. A Ghedi, ad esempio, non la si suona da quando è sindaco Lorenzo Borzi, esponente del centrodestra. Tant’è vero che, da qualche anno a questa parte, proprio per aggirare il veto, alla fine della cerimonia ufficiale un nutrito gruppo di persone la canta. Ieri in piazza ad accompagnarli c’era pure una fisarmonica.

Articoli in Bassa

Lista articoli