Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

TRA GIOIA E COMMOZIONE

Don Silvio Galli santo: compiuto il primo passo


Bassa
13 giu 2019, 09:03
Don Silvio Galli, «faro» di speranza per tantissime persone - Foto © www.giornaledibrescia.it

Don Silvio Galli, «faro» di speranza per tantissime persone - Foto © www.giornaledibrescia.it

Vede impressa la data del 12 giugno il «supplice libello», ossia la domanda formale di avvio della causa di beatificazione e canonizzazione di don Silvio Galli presentata al vescovo di Brescia, mons. Pierantonio Tremolada, dalla postulazione salesiana.

Una data non casuale: il 12 giugno di sette anni fa il «sacerdote degli ultimi» morì scatenando grandissima commozione.

Si è compiuto così il primo passo ufficiale di un percorso molto atteso e sentito. «Stiamo lavorando con tutto l’impegno possibile, assicura Lodovica Maria Zanet, collaboratrice della postulazione salesiana.

Da gennaio la postulazione salesiana - rappresentata da don Pierluigi Cameroni e dai suoi collaboratori - è a Chiari per «ascoltare le dichiarazioni spontanee sulla vita virtuosa di don Silvio».

Le prossime tappe? «Il vescovo di Brescia - spiega la prof. Zanet - sentirà il parere della Conferenza episcopale lombarda. E verrà inviata a Roma una richiesta di nulla osta utile a verificare che niente si opponga alla causa presso i dicasteri vaticani».

Ottenuto questo «nulla osta» mons. Tremolada potrà aprire la causa di beatificazione e canonizzazione. Questo passaggio verrà celebrato con «una cerimonia discreta e aperta al pubblico. Già, però, nel momento in cui il vescovo accetterà la causa, don Silvio potrà essere chiamato servo di Dio». 

Articoli in Bassa

Lista articoli