Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Valtrompia e Lumezzane

IL GIALLO

Bozzoli, il caso verso una svolta lontana dal forno di Marcheno


Valtrompia e Lumezzane
8 nov 2018, 07:00
Mario Bozzoli

Mario Bozzoli

Gli ultimi dubbi di chi indaga li ha fugati la consulenza più attesa. Quella firmata dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo. «Non è stata trovata alcuna traccia del passaggio di un corpo nel forno della Bozzoli». Poche righe per riscrivere definitivamente la dinamica di un giallo che a distanza di tre anni ancora non ha un colpevole.

«Stiamo lavorando, entro Natale potremnmo depositare gli atti e chiudere l’indagine» dice il Procuratore generale Pierluigi Maria Dell’Osso che nel marzo scorso ha avocato a sè l’inchiesta sulla scomparsa di Mario Bozzoli, datata 8 ottobre 2015 e nella quale sono indagati per omicidio volontario e distruzione di cadavere i nipoti della vittima, Alex e Giacomo Bozzoli, gli operai Oscar Maggi e il senegalese Abu. Bozzoli sarebbe stato ucciso per motivi economici e per contrasti sulla gestione della fonderia di Marcheno.

 

Leggi l'articolo completo sul Giornale di Brescia in edicola oggi, scaricabile qui in formato digitale.

 

 

 

Articoli in Valtrompia e Lumezzane

Lista articoli