Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

ODOLO

Prende forma il centro sportivo di Odolo


Valsabbia
6 nov 2019, 11:35
La struttura che sta nascendo sulle ceneri della palestra - Foto © www.giornaledibrescia.it

La struttura che sta nascendo sulle ceneri della palestra - Foto © www.giornaledibrescia.it

Mira ad essere «comprensoriale», il Centro sportivo che si sta meglio definendo lungo via Praes a Odolo e che sarà pienamente operativo già nell’estate del 2020.

Un campetto di calcio con campi da tennis e il bocciodromo. Fiore all’occhiello sarà la nuova palestra che presto sostituirà quella edificata negli anni Settanta del secolo scorso, tutta vetro e lamiera, poco o per nulla efficiente dal punto di vista energetico e anche strutturale. La vecchia struttura, nella quale si moriva dal caldo in estate mentre non c’era verso di riuscire a riscaldarla a dovere d’inverno, è stata abbattuta nelle scorse settimane. Già è abbozzata quella nuova, che sulla struttura base in calcestruzzo piazzerà campate in acciaio da 40 metri e sarà coibentata a dovere.

Alla previsione di spendere un milione e 400mila euro per realizzarla, ne sono stati aggiunti altri 180mila per procedere alla bonifica delle scorie di lavorazione d’acciaieria, ritrovate quando si è trattato di fare gli scavi per le nuove fondazioni. La nuova palestra sarà polifunzionale, dotata di spalti, sevizi moderni e pannelli mobili per una gestione migliore degli spazi. Il «grosso» del finanziamento per poterla edificare è stato ottenuto con un mutuo a interessi zero reso possibile grazie alle deroghe sul patto di stabilità. Poi sono stati impegnati altri fondi comunali, un finanziamento regionale e, attraverso Sae, la società della Comunità montana, un premio Gse per il risparmio energetico.

Comprensoriale perché? «Un polo sportivo di questo livello, al quale possiamo aggiungere il campo di calcio a 11 in erba già realizzato poche centinaia di metri più in là, non può che essere pensato in un’ottica di collaborazione con gli altri Comuni della Conca d’Oro che sono Agnosine, Bione e Preseglie - ha detto il sindaco Fausto Cassetti -. Abbiamo anche previsto di realizzare un'app grazie alla quale sarà possibile prenotare e gestire l’utilizzo degli spazi».

 

 

Articoli in Valsabbia

Lista articoli