Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

GAVARDO

Megadepuratore: nessuna risposta, delusi i comitati


Valsabbia
13 mar 2019, 18:16
Manifestazione contro il depuratore a Gavardo - foto vallesabbianews.it © www.giornaledibrescia.it

Manifestazione contro il depuratore a Gavardo - foto vallesabbianews.it © www.giornaledibrescia.it

Megadepuratore del Garda: ieri in Broletto si è svolto l’annunciato incontro tra il presidente della Provincia Samuele Alghisi e i comitati Gaia e Muscoline&Ambiente.

«Un incontro che ci ha profondamente deluso - commentano Filippo Grumi e Vincenzo Chianese, portavoce delle due associazioni. - E dire che avevamo posto in esso molte speranze, dando per scontato il ruolo di mediatore in capo al presidente, come ci sembrava fosse emerso chiaramente nella riunione in Regione dello scorso 17 gennaio. Abbiamo invece appreso che non ci sarebbe nessuna mediazione in atto e che non verrà istituito nessun tavolo tecnico per l’esame di proposte alternative. Alghisi - riferiscono i portavoce - ha ribadito che il suo incarico di mediazione è da intendersi solo ed esclusivamente a progetto approvato e per quanto concerne le compensazioni, non economiche, ma migliorative dell’impatto ambientale».

La consegna delle firme. La delegazione, che nel corso dell’incontro ha consegnato al presidente della Provincia le 3.345 firme raccolte tra i cittadini contrari al progetto, ha chiesto ad Alghisi di impegnarsi almeno affinché nessuna decisione venga presa fino a quando Gavardo, sul cui territorio dovrebbe sorgere l’impianto, non avrà un sindaco eletto (attualmente, il Comune è infatti commissariato). «Una richiesta a cui però - lamentano Filippo Grumi e Vincenzo Chianese - il presidente non ha ritenuto di dover rispondere».

 

Articoli in Valsabbia

Lista articoli