Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

IL GESTO

Sfonda i vetri di 20 auto all’ospedale di Esine


Valcamonica
15 set 2019, 14:24
Un finestrino infranto (foto di repertorio) - Foto © www.giornaledibrescia.it

Un finestrino infranto (foto di repertorio) - Foto © www.giornaledibrescia.it

Danneggia i vetri e la carrozzeria di una ventina di auto con una grossa catena e si rimette a letto, dove lo scovano i Carabinieri. È quanto successo nella notte fra venerdì e ieri nel parcheggio dell’ospedale di Esine.

Tutto è avvenuto fra mezzanotte e le tre. Secondo le ricostruzioni, l’uomo, prima di colpire le automobili, ha tentato invano di accedere al padiglione del ricovero psichiatrico dell’ospedale: dopo aver preso a spallate la porta d’ingresso, senza riuscire ad aprirla, ha quindi preso di mira le carrozzerie, colpendole ripetutamente con una grossa catena.

L’uomo si è quindi allontanato prima a piedi lungo la pista ciclabile, facendo perdere le proprie tracce prima che arrivassero i Carabinieri di Breno. I sospetti dei militari sono però subito caduti su un noto pregiudicato di 35 anni, che abita in un appartamento confinante con l’ospedale e che lo scorso fine settimana si era allontanato dalla residenza di Castiglione delle Stiviere dove sta scontando una condanna in regime di misura di sicurezza, perché dichiarato infermo di mente e socialmente pericoloso.

Dopo le ricerche di una notte, l’uomo è stato bloccato alle 7 in casa della madre: si era appena messo a letto e tra le coperte i Carabinieri hanno rinvenuto la catena. Il 35enne, indagato in stato di libertà per danneggiamento aggravato, è stato riaccompagnato alla struttura sanitaria di Castiglione delle Stiviere.

Articoli in Valcamonica

Lista articoli