Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Dialektika

Il dialetto bresciano, le sue varianti, il tempo che corre e le tracce di un passato che se ne va impigliate nelle parole

DIALÈKTIKA

Qualcuno interrogò il verso del cuculo


Storie
Brescia e Hinterland
6 giu 2021, 06:00
Primo piano di un piccolo di cuculo - Foto Jacopo Rigotti © www.buongiornonatura.it

Primo piano di un piccolo di cuculo - Foto Jacopo Rigotti © www.buongiornonatura.it

Cucù. La voce di un cuculo mi sorprende mentre percorro lento l’appartatata via Cucca, in città, all’ombra del colle di Sant’Anna. I pensieri cominciano a viaggiare per conto proprio e di colpo mi torna alla mente la rima che i bambini montanari rivolgevano al volatile canzonatore: «Cucù, cucù padél, quancc àgn g’hó de fà el pasturél?». Ogni cucù, un anno con le pecore. Forse. Mai fidarsi.

Articoli in Dialektika

Lista articoli