Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Calcio

SERIE B

Brescia battuto alla prima sfida play off col Monza: ora serve l'impresa


Sport
Calcio
18 mag 2022, 22:01

E adesso serve un'impresa con la «i» maiuscola: serve andare a Monza domenica alle 21 e battere la squadra di Stroppa con almeno due gol di scarto. Questo in virtù del ko casalingo patito in rimonta da un Brescia che si lecca le ferite anche per via degli infortuni non banali subiti da Sabelli e Huard e fuori causa sono anche Karacic e Cistana. Eppure la serata era partita benissimo, come un sogno.

In avvio

La partenza del Brescia è a ritmi altissimi e non a caso dop: al 7' la squadra di Corini trova il vantaggio con Moreo che sfrutta un assist involontario di Carlos Augusto per una favolosa rete di sinistro. Il Monza è frastornato e il Brescia prova ad approfittarne: tra il 13' e il 14' sfiora ancora il gol prima con un tiro di Palacio deviato dal palo e poi con un'altra conclusione dell'argentino che esce di un nulla.

È tutto fantastico davanti a 13.600 spettatori e sotto gli occhi del grande ex Sandro Tonali (in tribuna anche Silvio Berlusconi accolto come una rock star), ma tra il 25' e il 30' il Brescia subisce un doppio brutto colpo: prima si infortuna Huard che per una botta alla testa accusa malessere - al suo posto Pajac - poi Carlos Augusto (non sanzionato) per piombare su un cross di D'Alessandro frana come un tir, in maniera incredibilmente scomposta, su Sabelli che ricade malissimo e che in preda alla disperazione e nella preoccupazione generale viene caricato su una barella con tanto di flebo e portato in ospedale con un forte trauma alla schiena. Si era temuta la frattura di una vertebra, verdetto fortunatamente escluso dagli ulteriori accertamenti.

Sandro Tonali al Rigamonti -© www.giornaledibrescia.it

Entra Bertagnoli con Bisoli che scala terzino. In tutto questo il Brescia cerca di tenere comunque la barra dritta ma al 44' subisce il pareggio: su conclusione di Carlos Augusto, Joronen para ma non trattiene e sulla ribattuta il cross di Ciurria è preda per Gytkjaer: il Var conferma che è tutto regolare e non c'è il fuorigioco che invece sembra.

La ripresa

È a inizio ripresa  che il Monza serve il ribaltone: lancio di Machin, Dany Mota si invola e Joronen lo stende per un rigore che Gytkjaer trasforma gelando il Rigamonti. Il Brescia perde fiducia e anche le distanze in campo: al pareggio va vicino solo con una conclusione di Léris deviata in corner da Di Gregorio. E al 35' dalla curva si alza il coro "tirate fuori gli attributi".

Il Brescia chiude sulle ginocchia: si, servirà una impresa.

Articoli in Calcio

Lista articoli