Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

A BEDIZZOLE

Alla corsa ciclistica con il motore nascosto nel telaio

Redazione Web

Sport
30 lug 2017, 08:45
Un esempio di doping meccanico

Un esempio di doping meccanico

Doping ma... meccanico. E' stato scoperto ad una gara amatoriale del Csi ma aperta agli enti sportivi della consulta che si è svolta a Bedizzole.

 Un cicloamatore bresciano di 53 anni, categoria Master 5, è stato «pizzicato» con il motorino inserito all’interno del telaio della bicicletta. 

La frode sportiva è emersa in seguito all’utilizzo di particolari scanner, in uso da qualche stagione anche nelle gare dei professionisti che rileva le differenze termiche nel telaio.

I giudici hanno invitato il cicloamatore a consentire l’intervento di un meccanico per verificare la presenza del motorino con lo smontaggio parziale della bici. Ma il cicloamatore si è rifiutato di sottoporsi ad un nuovo controllo e ha abbandonato la manifestazione.

 

Leggi il servizio integrale sull'edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, domenica 30 luglio, scaricabile anche da qui

Articoli in Sport

Lista articoli