Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Sebino e Franciacorta

A ZONE

Richiedenti asilo non lavorano, il sindaco: «Via dal paese»


Sebino e Franciacorta
30 giu 2018, 08:45
Il posto. L’esterno dell’ex albergo Lucciola, ora ostello Trentapassi

Il posto. L’esterno dell’ex albergo Lucciola, ora ostello Trentapassi

L’atteggiamento «non collaborativo» dei 24 ragazzi richiedenti asilo politico, ospiti a Zone dell’ex albergo Lucciola, oggi ostello Trentapassi, sta creando tensioni in paese.

I problemi sono nati quando ai giovani è stato chiesto dall’amministrazione comunale un lavoretto per sistemare il sentiero che attraversa la riserva delle Piramidi di erosione. Alla disponibilità iniziale è seguito il rifiuto di tutto il gruppo perchè, per quanto si è potuto capire, si sentivano «sfruttati». La presa di posizione non è piaciuta al sindaco Marco Zatti, che ha scritto al prefetto per riferire quanto successo.

Da lì l’idea di spostare i ragazzi e di portare a Zone un altro gruppo di richiedenti asilo. Cosa che ha creato qualche tensione in paese, con l’arrivo delle forze dell’ordine e la proprietaria dell’ostello invitata a stare lontano da casa qualche ora.

Tutti i dettagli sull'edizione del Giornale di Brescia in edicola oggi, sabato 30 giugno, scaricabile anche da qui.

Articoli in Sebino e Franciacorta

Lista articoli