Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA DECISIONE

Coronavirus, stop alle gite scolastiche fino al 15 marzo


Scuola e Università
Scuola
25 feb 2020, 09:36
Gite scolastiche - © www.giornaledibrescia.it

Gite scolastiche - © www.giornaledibrescia.it

Dai viaggi di istruzione, alla didattica a distanza nelle scuole dove le attività sono sospese per l'emergenza sanitaria. È stato firmato ieri sera il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con ulteriori misure di contenimento dell'epidemia, comprese quelle per il mondo della scuola.

«Stiamo lavorando rapidamente e con grande responsabilità - sottolinea la Ministra Lucia Azzolina -. C'è la massima collaborazione fra tutte le autorità coinvolte e le forze sociali, nell'interesse della salute nazionale. Come governo, in collaborazione con i vertici sanitari stiamo seguendo l'evolversi della situazione. La nostra task force è operativa da giorni. Come Ministero saremo al fianco delle scuole per ogni possibile chiarimento e supporto. Le istituzioni sono tutte in campo per i cittadini. Siamo impegnati per fare ciò che occorre. Non servono allarmismi e, soprattutto, non bisogna assolutamente credere alle notizie che girano senza fonte o che non sono verificate. Invito tutti a rifarsi esclusivamente alle fonti ufficiali che hanno tutto l'interesse a informare correttamente i cittadini».

In particolare, per effetto del provvedimento, sono sospesi fino al 15 marzo 2020 i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche. È possibile esercitare il diritto di recesso come previsto dal codice del turismo.

Fino al prossimo 15 marzo la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia di durata superiore a cinque giorni avverrà solo dietro presentazione di certificato medico.

I dirigenti scolastici delle scuole in cui l'attività didattica è stata sospesa per l'emergenza sanitaria possono attivare, di concerto con gli organi collegiali competenti e per la durata della sospensione, modalità di didattica a distanza, ponendo particolare attenzione alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.

Il Ministero dell'Istruzione è al lavoro, attraverso la propria task force, per supportare le scuole per la didattica a distanza. Si partirà dalle numerose buone pratiche già messe in campo dalle scuole. E si lavorerà anche con realtà pubbliche e private che collaborano da tempo con il dicastero e che metteranno a disposizione contenuti e supporti digitali.

Per quanto riguarda i periodi di chiusura delle scuole, una circolare diffusa dall'Ufficio scolastico regionale, chiarisce quella che potrebbe essere un'ovvietà, ma che formalmente va esplicitata: «Né gli studenti, né il personale della scuola sono tenuti a produrre documenti giustificativi. Le assenze del personale determinate dalla chiusura di cui sopra, non comportano poi obbligo di recupero delle attività lavorative non prestate».

Articoli in Scuola

Lista articoli