Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Scienza

ASTRONOMIA

Una cometa così non si vedeva da 23 anni: dove osservarla


Rubriche
Scienza
9 lug 2020, 08:55

La cometa Neowise - dal nome del satellite che l'ha individuata - merita una levataccia prima dell’alba. La sua luminosità, infatti, eguaglia quella delle stelle di prima grandezza. Per non parlare del fatto che era dal 1997 che una cometa di questo tipo non era visibile ad occhio nudo, cioè da quando la Hale Bopp attraversò il cielo, portando con sè la sua aura suggestiva, guadagnandosi il titolo di «Grande cometa», la più osservata del secolo scorso.

La Neowise ora è nel cielo di nord-est, dove sorge il sole, ma per vederla bisogna alzarsi verso le 4, prima che le luci dell'alba la cancellino. Sopra di lei c'è la brillante stella Capella (costellazione dell'Auriga), a destra il luminosissimo Venere, alle spalle dell'osservatore la coppia Saturno-Giove che ci farà compagnia tutta estate insieme a Marte, vicino alla Luna.

Il periodo di visibilità vespertino della cometa inizia questo fine settimana, ma lo splendore calerà giorno dopo giorno. Rimarrà comunque sopra il limite di visibilità ad occhio nudo fino all'inizio della terza decade di luglio, mentre a partire dai primi giorni di agosto si renderà necessario l'uso di strumenti ottici. L’ausilio consigliato fin da subito, però, è il binocolo, che rende meglio apprezzabile la coda di polveri giallastra, che potrebbe non essere evidente nei cieli con foschia inquinati dalle luci, come segnalano gli osservatori che l'hanno vista da Brescia. Tra questi, l’esperto Roberto Ciri, autore delle fotografie in copertina a questo articolo. Anche altri appassionati, come l'astrofilo lumezzanese Ivan Prandelli, hanno condiviso sui social i loro scatti fotografici, realizzando anche dei video.

Dove godersi al meglio lo spettacolo? I punti elevati e bui sono mete ideali per i cacciatori di comete, come la Maddalena, oppure la bassa bresciana dove l'orizzonte è sgombro da ostacoli. La Valle di Mompiano, o altri luoghi con orizzonte collinare a nord-est, sono ottimi scenari per l'alba. Prima spunterà la coda, poi la testa cometaria, dietro lo sfondo scuro della montagna. Rimangono solo due mattine, poi dovremo volgere lo sguardo a ponente dopo il tramonto.

Articoli in Scienza

Lista articoli