Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

STURT UP

Il mal di schiena si previene anche online


Salute e benessere
Medicina
31 lug 2019, 10:34
Di Gennaro, Lanzini e Qemal - © www.giornaledibrescia.it

Di Gennaro, Lanzini e Qemal - © www.giornaledibrescia.it

Parla un po’ bresciano la startup Fisiosocial, il progetto online che «cura» a distanza i dolori muscoloscheletrici. A metterlo in pista, infatti, è il giovane fisioterapista lenese Francesco Lanzini, che insieme ai due amici e compagni di università Fabio Di Gennaro e Klaus Qemal, entrambi milanesi, mira a rivoluzionare il tradizionale approccio alla fisioterapia utilizzando la rete. Ossia, seguire il cliente da casa tramite contenuti multimediali fisioterapici che illustrino esercizi terapeutici ad hoc.

«Quante volte siamo andati dal fisioterapista per un problema come il mal di schiena o un dolore cervicale ed abbiamo avuto solo un beneficio temporaneo, così che ci siamo dovuti tornato ancora per molte volte», esordisce Lanzini che sottolinea come, per ovviare al continuo riproporsi di dolori muscoloscheletrici dettati spesso da errate posture, molto possano fare proprio gli esercizi preventivi. «Tramite i nostri canali social e il sito le persone ci conoscono e fruiscono dei materiali gratuiti, e se lo ritengono opportuno possono fare una videochiamata gratuita con uno di noi nella quale valutiamo se il caso possa essere preso in carico da remoto. Se la risposta è affermativa, prepariamo un’analisi del piano terapeutico e creiamo un programma tarato sulle sue esigenze», chiarisce Lanzini che evidenzia come il pacchetto non abbia scadenza ed il cliente viene preso in carico fino a quando il problema non è risolto. «Naturalmente, non tutti i problemi possono essere trattati con un approccio da remoto - aggiunge - ma la maggior parte, dal classico mal di schiena alla sciatica sino alla fascite plantare, sì».

Del resto, questo tipo di approccio, che in Italia è ancora agli albori, altrove funziona da tempo. «Ci siamo ispirati ad analoghe realtà che esistono, ad esempio negli Usa, e che funzionano molto bene - continua Lanzini -: l’interesse c’è, tanto è vero che in poco più di un anno abbiamo oltre 10 mila contatti». La piattaforma (https:fisioterapiafisiosocial.com/)costituisce anche un buon modo per attrarre nuovi clienti, e a breve darà anche la possibilità di scaricare pacchetti «standard» dedicati ai problemi più comuni, come ad esempio la sciatica, con linee guida generali idonee a tutti coloro che soffrono di quel problema. «Siamo molto fiduciosi - conclude Lanzini - perché crediamo che i tempi siano maturi anche qui per questa rivoluzione del benessere e della salute».

Articoli in Medicina

Lista articoli