Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

I DATI

Boom autismo: dal 2006 ad oggi le diagnosi cresciute del 645%


Salute e benessere
Medicina
7 dic 2019, 06:30
Nel territorio di Ats Brescia le persone con autismo sono 1.440. Nel 2018 le diagnosi sono state 164 - Foto © www.giornaledibrescia.it

Nel territorio di Ats Brescia le persone con autismo sono 1.440. Nel 2018 le diagnosi sono state 164 - Foto © www.giornaledibrescia.it

Come uno tsunami. Un’onda anomala di grandi dimensioni seguita da altre, fino ad assumere le proporzioni devastanti a cui la cronaca ci ha abituati. Così l’autismo. Una sindrome passata dalle 22 nuove diagnosi nel 2006 alle attuali 164, con 1440 persone autistiche in totale. Di queste, trecento hanno più di diciotto anni.

E se per i minori ci sono interventi mirati - in gergo «presa in carico» - sebbene frenati da lunghissime liste d’attesa, per gli adulti non si può parlare di deserto, ma ci si avvicina molto. Uscite dalla «tutela» e dalla progettualità della scuola e dai servizi specialistici, con una famiglia che invecchia, queste persone vengono incluse nella generica categoria della «disabilità», senza progetti che tengano conto della specificità del disturbo.

In questo quadro si inserisce il «balzo in avanti» della risoluzione, di cui è stata relatrice Simona Tironi, vicepresidente della Commissione Sanità della Regione, approvata da tutte le forze politiche prima in Commissione, poi in Consiglio regionale. Il testo contenente le «determinazioni in ordine all’autismo» è frutto di un percorso che ha impegnato la Commissione per nove mesi durante i quali sono state ascoltati operatori, famiglie e associazioni.

I contenuti sono stati illustrati nella sede dell’Ufficio territoriale regionale dalla stessa consigliera Tironi insieme al direttore generale di Ats, Claudio Sileo e ai direttori generale e sociosanitario dell’Asst Spedali Civili, rispettivamente Marco Trivelli e Annamaria Indelicato e a Maria Villa Allegri, vicepresidente Anffas Brescia.

«La risoluzione prevede, tra l’altro, una presa in carico della persona dalla diagnosi alla vecchiaia, con un monitoraggio costante degli interventi e l’ampliamento delle misure di sostegno, assicurando la piena inclusione scolastica in collaborazione con l’Ufficio scolastico provinciale - ha spiegato Tironi -. Impegna, anche, la Giunta ad attivare un tavolo di lavoro interassessorile che individui le priorità d’azione. Tra queste, certamente l’attenzione affinché la diagnosi sia il più precoce possibile ma, anche, che la transizione dalla minore età a quella adulta non penalizzi intensità e qualità degli interventi. Il tutto, garantendo una formazione continua a tutti gli operatori che lavorano a fianco delle persone con autismo e delle loro famiglie con un adeguato stanziamento di risorse».

I progetti quali quello del Centro Faroni della Fobap e Bios di Orzinuovi, pur svolgendo da anni servizi per minori con autismo, sono ancora sperimentali. «Le sperimentazioni saranno stabilizzate» ha aggiunto Tironi che pensa anche ad altre realtà. Verrà, anche, rispolverato il progetto «Dama», di cui Maria Villa Allegri si era già occupata in passato e che prevede l’attivazione di percorsi dedicati negli ospedali e negli ambulatori per persone con grave disabilità intellettiva e neuromotoria.

Rispetto ai numeri, che rilevano un costante aumento di casi, Sileo ha sottolineato che «il dato è in linea con il resto del mondo e che, al momento, non sono note cause tali da poter indicare un "colpevole": la medicina non ha un elemento causale accertato e negli ambiti della nostra Ats le percentuali dell’incidenza dello spettro autistico sono sovrapponibili».

 

Articoli in Medicina

Lista articoli