Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

PER PROF E PERSONALE

Scuola, il 15 scatta l’obbligo del vaccino: le regole

Redazione Web

Italia ed Estero
9 dic 2021, 07:55
Una classe di studenti delle superiori

Una classe di studenti delle superiori

Il ministero dell’Istruzione ha inviato agli uffici scolastici regionali una nota per chiarire i termini dell’obbligo vaccinale che scatterà il 15 dicembre. Stabilito dal decreto del 26 novembre l’obbligo riguarda anche la terza dose (in pratica si dovrà avere il super Green pass) e vale per il «personale scolastico del sistema nazionale di istruzione, delle scuole non paritarie, dei servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, dei centri provinciali per l’istruzione degli adulti, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale e dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore».

La nota ha già sollecitato qualche rimostranza dalle organizzazioni di settore, in particolare sui supplenti, sul personale esterno e sulle mansioni diverse per chi non può essere vaccinato.

Chi riguarda

Praticamente tutti. La nota elenca «dirigenti scolastici, docenti e personale ATA delle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione e del personale delle ulteriori tipologie di servizi scolastici e formativi sopra richiamati. L’obbligo si applica al personale a tempo determinato e indeterminato». Tranne chi è fuori dal servizi per motivi conclamati o in aspettativa. La verifica della vaccinazione dei presidi sarà a carico dei direttori degli uffici scolastici regionali. Personale esterno. Secondo la nota non dovrebbe essere coinvolto nell’obbligo. A titolo di esempio, si intende il personale che opera a supporto dell’inclusione scolastica fino agli addetti alle mense o alle pulizie.

Esentati dal vaccino

Anche il personale della scuola che ne ha diritto può essere esentato e poter continuare a lavorare, magari con mansioni diverse che non alimentino il contagio.

Controlli

Il rispetto dell’obbligo vaccinale è assicurato dai dirigenti scolastici e dai soggetti responsabili delle altre strutture interessate dal decreto.

Green pass base

Per chi ha solo il Green pass base il dirigente scolastico «senza indugio, invita l’interessato a produrre, entro 5 giorni dalla ricezione dell’invito» la documentazione relativa o alla avvenuta vaccinazione o alla prenotazione o l’esenzione. Nel corso dei 5 giorni il docente può continuare a lavorare (previo tamponi) altrimenti scatta la sospensione. Nel caso di vaccinazione, invece, il prof può continuare a lavorare con Green pass con tampone fino all’ottenimento del super Green pass.

La sospensione

La mancata presentazione della documentazione determina l’inosservanza dell’obbligo vaccinale che il dirigente scolastico, per iscritto e senza indugio, comunica al personale interessato. All’inosservanza dell’obbligo consegue l’immediata sospensione dal diritto di svolgere l’attività lavorativa con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro: non sono dovuti retribuzione né altro compenso.

Sanzioni

Le multe sono previste sia per chi viola l’obbligo (da 600 a 1.500 euro) sia per deficit di controllo (da 400 a 1.000 euro). 

«Per lo svolgimento delle attività teatrali in ambito didattico per gli studenti, comprese le rappresentazioni in orario curricolare» come per tutte le attività scolastiche, gli studenti non sono tenuti al possesso della certificazione verde. Rimangono fermi gli obblighi in materia di certificazione verde a carico di tutti i soggetti esterni coinvolti a diverso titolo nello svolgimento delle attività e nelle relative rappresentazioni, ivi inclusi i familiari degli studenti».

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli