Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

Italia ed Estero

TOTO-NOMI

Regione: giunta a 16, gli assessori bresciani restano a quota 3


Italia ed Estero
26 mar 2018, 07:46

La sede di Regione Lombardia

Dopo una settimana di tira e molla, i l centrodestra ha trovato la quadra su poltrone e deleghe della giunta regionale. Si ritorna alla squadra a 16 posti, il massimo consentito, due in più della giunta Maroni, garantendo così un posto ai centristi di Noi con l’Italia e due a Fratelli d’Italia, che rivendicavano maggior peso rispetto alla passata legislatura.

Se l’esecutivo regionale si allarga, Brescia resta (per ora) con tre assessori: i leghisti Davide Caparini, coordinatore della campagna elettorale di Fontana, a cui andrà la delega al Bilancio, e Fabio Rolfi, ex vicesindaco di Brescia e già presidente della commissione sanità, il leghista più preferenziato nelle elezioni del 4 marzo, a cui andrà l’agricoltura. In giunta anche il coordinatore provinciale di Forza Italia Alessandro Mattinzoli (urbanistica o attività produttive).

Oggi pomeriggio o al massimo domani Fontana potrà insediarsi a Palazzo Lombardia (la Corte d’Appello sta ancora verificando i verbali di una ventina di seggi milanesi). Poi il neogovernatore potrà annunciare il suo esecutivo.

L'approfondimento sul Giornale di Brescia in edicola oggi, qui nel formato digitale.

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli