Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

BRUXELLES

Intesa raggiunta sul Recovery Fund, all'Italia 209 miliardi


Italia ed Estero
21 lug 2020, 07:45
Conte con Merkel e Macron - Foto Ansa © www.giornaledibrescia.it

Conte con Merkel e Macron - Foto Ansa © www.giornaledibrescia.it

È stato difficile, ma è fatta. Intesa raggiunta al vertice europeo sul Recovery Fund ed il Bilancio Ue 2021-2027. Sintomo che «l'Europa è solida, è unita» ha esultato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel dopo una maratona negoziale di oltre 90 ore che ha fatto del summit il più lungo della storia dell'Unione. All'Italia l'intesa porta una dote di 209 miliardi. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è riuscito infatti a strappare un piatto ancora più ricco (82 miliardi di sussidi e 127 di prestiti) rispetto alla proposta della Commissione di maggio, che destinava al nostro Paese 173 miliardi (82 di aiuti e 91 di prestiti). Ci sono dunque 36 miliardi di prestiti in più, una cifra che ricalca quella a disposizione con il Mes, uno strumento su cui la maggioranza si è però divisa in queste settimane e che ora pare essere superato dai fondi del Recovery.

«Avremo una grande responsabilità: con 209 miliardi abbiamo la possibilità di far ripartire l'Italia con forza e cambiare volto al Paese. Ora dobbiamo correre», ha commentato molto soddisfatto Conte, rimarcando di aver conseguito questo risultato «tutelando la dignità del nostro Paese». Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di «giornata storica per l'Ue», che per la prima volta mette in comune il suo debito per rafforzarsi e reagire alla crisi seminata dal Covid-19. Un «buon segnale» per Angela Merkel, mentre per il commissario Paolo Gentiloni il Next Generation Eu «è la più importante decisione economica dall'introduzione dell'euro». 

L'annuncio dell'intesa è arrivato intorno alle 5.30 del mattino, dopo che i leader hanno trascorso ore e ore a ricontrollare tutti i documenti concordati. L'ultimo tema più controverso - il rispetto della condizionalità sullo stato di diritto - invece, è stato risolto per acclamazione contraddicendo le più fosche previsioni. La soluzione è stata individuata dopo un meticoloso lavoro di cucitura, a piccoli gruppi, svoltosi nella giornata di lunedì, per modificare la proposta presentata sabato. Un testo in cui la condizionalità è stata così tanto diluita che lo stesso leader ungherese, Viktor Orban (il più oltranzista assieme al polacco Mateusz Morawiecki) ne ha addirittura applaudito con entusiasmo l'adozione, arrivando a congratularsi con Macron per gli input risolutivi. 

Un punto fermo sulla madre di tutte le battaglie, il Recovery Fund, era già stato messo nel pomeriggio di ieri. La dotazione complessiva del piano per sostenere i Paesi più colpiti dal passaggio del Covid-19 è rimasto fissato a 750 miliardi. E dopo varie oscillazioni (da 500 a 450, a 400) l'asticella della quota di sussidi si è fermata a 390 miliardi di euro, con la Resilience e Recovery Facility, il cuore del Fondo per il rilancio economico, allocato direttamente ai Paesi secondo una precisa chiave di ripartizione, a 312,5 miliardi. La sforbiciata ha ridotto invece i trasferimenti spacchettati tra i programmi, 77,5 miliardi (rispetto ai 190 mld pensati dalla Commissione). In particolare, è stata azzerata la dotazione di Eu4Healt, il nuovo programma europeo per la sanità. A farne pesantemente le spese, anche il Just Transition Fund e il Fondo agricolo per lo sviluppo rurale. 

Il bilancio europeo 2021-2027 è rimasto a 1.074 miliardi di impegni e i cosiddetti Frugali sono stati accontentati con i rebate, i rimborsi introdotti per la prima volta su richiesta del Regno Unito ai tempi di Margaret Thatcher, che con la Brexit molti leader Ue avrebbero voluto cancellare. In alcuni casi sono stati raddoppiati. Alla Danimarca sono andati 322 milioni annui di rimborsi (rispetto ai 222 milioni della proposta di sabato); all'Olanda 1,921 miliardi (da 1,576 miliardi) ; all'Austria 565 milioni (da 287), e alla Svezia 1,069 miliardi (da 823 milioni). 

Risolta anche la spinosa questione della governance sull'attuazione delle riforme dei piani nazionali che dovranno essere presentati dai Paesi per avvalersi delle risorse. La chiave di volta è stato un super-freno di emergenza emendato, oggetto di un negoziato durissimo tra Giuseppe Conte e Mark Rutte durato fino all'ultimo minuto, del quale il coriaceo olandese alla fine si dice soddisfatto. In sostanza, i piani di investimenti presentati dagli Stati membri saranno approvati dal Consiglio a maggioranza qualificata, in base alle proposte presentate dalla Commissione. La valutazione sul rispetto delle tabelle di marcia e degli obiettivi fissati per l'attuazione dei piani nazionali sarà affidata al Comitato economico e finanziario (Cef), gli sherpa dei ministri delle Finanze. Se in questa sede, «in via eccezionale», qualche Paese riterrà che ci siano problemi, potrà chiedere che la questione finisca sul tavolo del Consiglio Europeo prima che venga presa qualsiasi decisione.

 

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli