Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

L'ANALISI

Covid, Gimbe: «Serve adesso il lockdown»


Italia ed Estero
14 gen 2021, 12:02
Terapia intensiva - © www.giornaledibrescia.it

Terapia intensiva - © www.giornaledibrescia.it

Incrementano i nuovi casi settimanali di Covid, arrivati, dal 6 al 12 gennaio, a 121.644 rispetto ai 114.132 della settimana precedente. Mentre sul fronte ospedaliero si registra una lieve risalita dei ricoverati con sintomi (23.712 rispetto a 23.395) e delle terapie intensive (2.636 rispetto 2.569). E sono ancora in aumento i decessi settimanali, 3.490 rispetto a 3.300.

È quanto emerge dal nuovo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, che avverte: «il vaccino non è una soluzione immediata e serve adesso il lockdown».

Nel dettaglio, dal 6 al 12 gennaio, rispetto alla settimana precedente, si registra una crescita del 2,6% delle terapie intensive, del 3,4% dei ricoverati con sintomi, del 5,8% dei decessi e un aumento del 6,6% dei nuovi casi (a fronte di un +9,7% di casi testati). «I dati - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - confermano la lenta risalita dei nuovi casi settimanali e, sul versante ospedaliero, il costante aumento di ricoveri e terapie intensive, dove l'occupazione da parte di pazienti Covid supera in 10 Regioni la soglia del 40% in area medica e quella del 30% delle terapie intensiva».

«Nel primo trimestre 2021, spiega Renata Gili, Responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe, con una copertura vaccinale minima ci si attende un'elevata circolazione del Sars-CoV-2 (con preoccupanti incertezze sulle nuove varianti) ed elevato impatto della Covid-19 sui servizi sanitari». Di conseguenza, aggiunge, «per centrare l'obiettivo di eliminazione del virus, è indispensabile attuare rapidamente la strategia soppressiva, al fine di ridurre in modo rilevante i casi e appiattire la curva epidemica». In questo modo, con l'arrivo della bella stagione e il progressivo aumento delle coperture vaccinali, conclude Gilli, «la minore circolazione del SARS-CoV-2 permetterebbe, durante i mesi estivi, la ripresa di un'efficiente attività di tracciamento per raggiungere l'obiettivo della progressiva eliminazione». 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli