Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

L'INTERVISTA

Covid, Gallera: «Impennata rapida, il sistema è pronto»


Italia ed Estero
15 ott 2020, 10:51
L'amore ai tempi del coronavirus - © www.giornaledibrescia.it

L'amore ai tempi del coronavirus - © www.giornaledibrescia.it

«In questi ultimi quattro giorni c'è stata un'impennata molto veloce, ma il sistema era pronto e sta reagendo». Così Giulio Gallera, assessore lombardo al Welfare, in cui fa presente che «la situazione è cambiata molto repentinamente a partire dal 10 ottobre, ma va anche detto che questa crescita dei contagi non è diversa da quella di Lazio, Sicilia, Campania, Liguria e anche del Veneto».

«Il sistema è preparato e strutturato - osserva - certo, ci sono fasi che richiedono i loro tempi e, ripeto, l'accelerazione dei contagi è stata velocissima, tra l'altro a fronte di almeno 20mila tamponi al giorno. Il 10% in media risulta positivo e i ricoveri sono tra 100 e 150 al giorno».

«Il piano ospedaliero è pronto da giugno - rileva - ci sono i 18 ospedali-hub dove abbiamo aggiunto 1.550 posti letto, di cui 150 in terapia intensiva e 400 in sub-intensiva, abbiamo chiesto ad altri 9 ospedali con la pneumologia di creare 300 posti letto Covid e abbiamo predisposto il trasferimento nelle altre strutture dei pazienti entrati per altre patologie e risultati positivi asintomatici». «Per quanto riguarda le residenze per anziani - continua - abbiamo già predisposto il trasferimento di tutti i positivi presso gli ospedali, anche quelli di Concorezzo. Il piano prevede che se si arriva a 150 letti occupati nelle terapie intensive si apre l'ospedale in Fiera. L'attenzione è alta, ma il sistema è rodato e sta rispondendo. Ma servono anche misure per rallentare il contagio». 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli