Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Italia ed Estero

IL RITORNO

Amanda Knox piange: «Su di me una storia falsa»

Redazione Web

Italia ed Estero
16 giu 2019, 10:23
Amanda Knox in lacrime durante il racconto al Festival di Modena - © www.giornaledibrescia.it

Amanda Knox in lacrime durante il racconto al Festival di Modena - © www.giornaledibrescia.it

Le verità «dell’altra» Amanda Knox, contro «il mostro» Foxy Knoxy, generato «da una narrazione mediatica falsa dei fatti» potente al punto «da contaminare l’inchiesta». Quarantacinque minuti di parole spezzate dalle lacrime in un italiano fluente, e una consapevolezza intatta a quasi dodici anni dall’omicidio di Meredith Kercher: «So che nonostante la pronuncia della Cassazione io rimango una figura controversa a cospetto dell’opinione pubblica, soprattutto in Italia, dove ho ancora paura di essere derisa e molestata, o di ricevere nuove accuse».

Così la 31enne di Seattle, per la prima volta in Italia dopo la scarcerazione, ha parlato dal palco del Festival della giustizia penale a Modena. Dopo due giorni scivolati via in un composto ma totale silenzio durante il suo primo ritorno nel nostro Paese, a otto anni dalla sua scarcerazione e a quattro dalla sentenza assolutoria di terzo grado, accolta come una «icona del processo massmediatico» al Festival modenese, Amanda ha ripercorso i momenti salienti di una vicenda che le «ha tolto anni della giovinezza» e «ha sconvolto» la sua famiglia. Da quella notte del primo novembre 2007, in via della Pergola a Perugia, «quando un ladro, Rudy Guede, è entrato nella mia abitazione, ha violentato e ucciso la mia amica Meredith mentre io e Raffaele (Sollecito, ndr) non eravamo lì», al «peso schiacciante» della «parola colpevole pronunciata dal giudice», in primo grado.

Ancora: dal momento in cui «per la prima volta dentro al carcere ho visto piangere mio padre e allora ho capito quanto fosse grave la situazione» per restare con la memoria sempre dietro le sbarre, dove dice di aver «meditato sul suicidio». Fino all’aver accettato l’invito al Festival di Modena, «per il quale non sono stata pagata, perché sono altre le tante persone che hanno tratto profitto dalla mia storia», respingendo l’accusa che la sua presenza «sia un profanare la figura di Meredith, come se il solo fatto che io sia viva fosse un affronto a lei». Abito color panna, capelli sciolti e tono pacato, Amanda Knox si è soffermata anche su alcune figure che l’hanno accompagnata negli anni dell’inchiesta. Su tutte «il mio pm», Giuliano Mignini, il magistrato che a Perugia ha coordinato le indagini. «Vorrei avere un faccia a faccia con lui», ha detto oggi. «Mi piacerebbe incontrarlo perché possa capire che non sono un mostro, ma solo Amanda».

 

 

Articoli in Italia ed Estero

Lista articoli