Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

IL CASO

La dermatite del bagnante torna a colpire sul Garda


Garda
1 lug 2020, 06:30
I cartelli che vietano di dare cibo agli uccelli acquatici -© www.giornaledibrescia.it

I cartelli che vietano di dare cibo agli uccelli acquatici -© www.giornaledibrescia.it

Estate atipica, quella del 2020. Ma non per la dermatite del bagnante, che torna a palesarsi sulle spiagge del Garda: la prima segnalazione d’estate (sicuramente destinata a non rimanere l’unica) arriva da San Felice, in particolare dalle spiagge del porto di Portese. A esserne vittime loro malgrado sono stati due bambini: due fratelli di 5 e 11 anni che hanno fatto il bagno proprio a Portese e sono usciti dall’acqua pieni di bolle.

La loro mamma li ha medicati, cercando di dare loro sollievo, e poi si è rivolta alle istituzioni, chiedendo in particolare più informazione e maggiori controlli.  Poco conta, però, che questo primo episodio di stagione si sia verificato a San Felice: la dermatite, infatti, colpisce là dove si concentrano gli uccelli acquatici. Stavolta è capitato lì, domani potrebbe capitare altrove, con la stessa pruriginosa modalità. Il problema infatti sono gli assembramenti. Stavolta non degli esseri umani, ma degli uccelli. Non a caso in tutti i Comuni rivieraschi sono in vigore ordinanze che vietano di dar loro da mangiare: trovare cibo «facile», oltre che dannoso per la loro stessa sopravvivenza, li spinge a radunarsi in un luogo piuttosto. E i porti, dove spesso si trovano anche bar e ristoranti con avventori prodighi di cibarie, sono tra i luoghi preferiti da anatre e cigni. Ats ha in più occasioni rassicurato: la dermatite è una reazione allergica a un parassita che colpisce gli uccelli acquatici e occasionalmente l’uomo.

Non è indice di inquinamento, e questo è attestato anche dalle ultime analisi effettuate dalla stessa Ats a San Felice: le acque sono risultate balneabili in tutti e quattro i punti di prelievo del paese, uno dei quali proprio nei pressi di Portese.

Che fare, dunque? L’unica soluzione è cercare di far digerire una norma che pare indigeribile: non si può dar da mangiare agli uccelli. E per questo San Felice, come gli altri Comuni del lago, si è attrezzato con cartelli multilingue per dissuadere dalla pratica, sta «martellando» sui social network e ha pubblicato sul sito istituzionale le modalità con cui si può prevenire la dermatite. Ora ha interessato la Regione, perché più di così il Comune da solo non può fare.

Articoli in Garda

Lista articoli