Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}

LA CRISI DELL'ACCIAIERIA

ArcelorMittal conferma l'addio all'Ilva di Taranto


Economia
5 nov 2019, 19:47
La scritta ArcelorMittal su uno stabilimento - Foto Ansa/Luca Zennaro © www.giornaledibrescia.it

La scritta ArcelorMittal su uno stabilimento - Foto Ansa/Luca Zennaro © www.giornaledibrescia.it

L'Ad di ArcelorMittal Italia Lucia Morselli ha confermato ai segretari generali di Fim, Fiom, Uilm e Usb, nel corso di un incontro che si è svolto oggi pomeriggio all'Ilva di Taranto, la volontà di recedere dal contratto per l'acquisizione della fabbrica già espressa ieri. Lo hanno reso noto gli stessi sindacati al termine della riunione.

«Ci hanno detto che - ha sottolineato il segretario territoriale della Uilm Antonio Talò - che domani daranno seguito alla procedura annunciata per la restituzione dello stabilimento ai commissari straordinari e che fino all'ultimo minuto in cui saranno qui non solo pagheranno i lavoratori ma continueranno a fare le operazioni propedeutiche al mantenimento dell'impianto. Noi ci crediamo poco». 

Talò crede che «l'interlocuzione di stasera possa essere superata da qualcosa di più grande che potrà accadere domani con il governo. Manteniamo le azioni decise oggi del consiglio di fabbrica permanente e del presidio di domani e aspettiamo di capire cosa accadrà». 

Il fatto che partano domani con «la procedura dell'art. 47 annunciata - afferma il sindacalista - è come un segnale che la loro decisione sia stata già presa. Abbiamo chiesto alla dottoressa Morselli se il dado è tratto e diplomaticamente ci ha detto che non sta a lei rispondere. Allo stato attuale ancora no». 

Sul caso, si era espresso nelle scorse ore il presidente di Aib, Giuseppe Pasini, con un commento lapidario: «L’addio di Arcelor Mittal è un fallimento per l’intero Paese».

 

 

Articoli in Economia

Lista articoli