Stai leggendo: {{ currentArticle.title }}
Cultura e Spettacoli

MUSICA

Sanremo 2020, chi è Tosca

Redazione Web

Cultura e Spettacoli
3 feb 2020, 10:36
Tosca - Foto tratta da Fb

Tosca - Foto tratta da Fb

Nome

Tosca, pseudonimo di Tiziana Tosca Donati

Età e provenienza

Romana di 52 anni

A Sanremo

Vince insieme a Ron il Festival di Sanremo 1996 con la canzone Vorrei incontrarti fra cent'anni. Torna all'Ariston l'anno successivo con Nel respiro più grande, arrivando decima. Settima invece nel 2007 con Il terzo fuochista. Quest'anno per la cantante e attrice sarà la quarta partecipazione. Un'entrata last minute a un meso dall'avvio della manifestazione con il passaggio da 22 a 24 cantanti. 

Ha iniziato con

 Tutto comincia in un piano bar romano dove Enzo Arbore la nota. Per Tosca arriva la partecipazone alla trasmissione televisiva Il caso Sanremo con Lino Banfi. 

La sua canzone

Ho amato tutto scritta da Pietro Cantarelli

In duetto con

Ha scelto di portare Piazza Grande: «Un omaggio a Lucio Dalla, ma anche a Gianfranco Baldazzi, Sergio Bardotti e Ron, che l'hanno composta. Quattro in un colpo solo». Ad accompagnarla la cantante spagnola Silvia Perez Cruz.

Social

Facebook: @TizianaToscaDonatiOfficial follower: 19.366

Testo 

Tre passi e dentro la finestra
Il cielo si fa muto
Resto lì a guardare
Io so cantare so suonare so reagire ad un addio
Ma stasera non mi riesce niente
Stasera se volesse Dio
Faccio pace coi tuoi occhi
Finalmente
Con te ho riscritto l’alfabeto
Di ogni parola stanca il significato
Perfettamente inutile cercare di fermare l’onda che
Ci annega e ci lascia senza fiato
Ed è una musica che va
In un istante è primavera
Che ritorna
E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un volo che è partito
Svanito in fondo al blu
E io adesso farei qualsiasi cosa
Per sfiorare le tue labbra
Per rivederti
Se è vero che il tempo ci rincorre
Oggi sono questa faccia questa carne e queste ossa
Le sento ancora addosso le tue mani che mi spostano più in là
Dove si vive solo di uno sguardo
È tardi, si spegne la candela
È sempre troppo tardi
Per chi non tornerà
E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un treno che è partito
Sparito in mezzo al blu
E io adesso farei qualsiasi cosa
Per averti fra le braccia
Per rivederti
Perché se manchi tu manchi da morire
Perché amarsi è respirare i tuoi respiri
Stracciarsi via la pelle e volersela scambiare
È l’attimo fatale in cui mi sono arresa
Perché tu vieni con questo amore tra le mani
E come sempre nei tuoi occhi
La mia casa
Se tu mi chiedi in questa vita cosa ho fatto
Io ti rispondo ho amato
Ho amato tutto

 

Articoli in Cultura e Spettacoli

Lista articoli